×

Allerta arancione in Friuli: scuole chiuse in 57 comuni

Condividi su Facebook

Il prefetto di Udine Angelo Ciuni ha disposto la chiusura delle scuola in ben 57 comuni della provincia: è allerta arancione in Friuli.

matempo possibili mareggiate in campania arancione

Le scuole saranno chiuse in 57 comuni della provincia di Udine, in Friuli, dove è stata diramata l’allerta arancione. La provincia per la prima metà della giornata del 9 dicembre sarà nel mirino di una vasta e persistente perturbazione, la prima così violenta dopo quelle dei mesi precedenti.

Il maltempo che sta imperversando sulla zona da ormai 48 ore non dà tregua e sembra aver concentrato tutta la sua potenza nell’alto Friuli e nella provincia di Udine. Proprio in quelle zone le precipitazioni saranno ancora violente per le prossime ore. Ad esse si accompagnerà il forte vento e il rischio valanghe in Carnia e nel settore di Tarvisio.

Allerta arancione in Friuli, la decisione del prefetto

È stato per questo motivo, con l’allerta arancio in Friuli dopo quella rossa di novembre e con la situazione provinciale che il prefetto di Udine Angelo Ciuni ha disposto la chiusura delle scuola in ben 57 comuni della provincia di Udine.

Proprio nelle ore in cui la massima autorità amministrativa della provincia chiudeva le scuole arrivavano notizie anche sul fronte del rischio valanghe, rischio alto: 5 su 5 in Carnia e 4 su 5 nel Tarvisiano. La Protezione Civile Fvg ha ufficializzato la modalità di allerta arancione, anche sulla scorta della possibilità di dissesti e criticità a carattere idraulico.

Pioggia, neve e bora sulle coste

Pioggia e neve non danno tregua e la stessa Sappada è isolata da una slavina, con più di 800 cittadini senza elettricità.

Per la giornata in corso si prevedono al mattino ancora precipitazioni da abbondanti a intense. Poi copiose nevicate oltre gli 800-1000 metri in fascia Prealpi ed oltre i 600 metri sulla fascia alpina. La quota neve sarà variabile e più bassa nelle zone interne, mentre la Bora la farà ancora da padrona sulle zone costiere della regione.

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Giampiero Casoni

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora