×

8 italiani su 10 sono disposti a fare il vaccino anti-Covid

Il 77% degli italiani favorevole al vaccino anti-Covid, ma in molti preferirebbero aspettare. Over55 pro obbligatorietà

piano vaccini germania francia spagna

Manca ormai poco all’arrivo del vaccino anti Covid nel nostro Paese, e mentre il mondo scientifico si prepara a somministrarlo alla popolazione, la domanda sorge spontanea: gli italiani sono favorevoli a vaccinarsi? Secondo il sondaggio di Emg-Different e Adnkronos, la risposta è sì.

Vaccino, italiani disposti a farlo

Otto italiani su dieci sono disposti a vaccinarsi contro il Covid-19. È ciò che emerge dal sondaggio effettuato da Emg-Different e Adnkronos. Mentre arriva il via libera al piano di vaccinazioni italiano, c’è fiducia da parte della popolazione in questo farmaco. E se la stragrande maggioranza della popolazione vorrebbe vaccinarsi, sono diversi i pareri sull’obbligatorietà del vaccino, tema discusso anche dal governo e dal mondo scientifico.

Secondo quanto riporta il sondaggi, poco più della metà degli italiani (il 53%) crede che vaccinarsi o no debba essere una libera scelta; il 37% della popolazione invece pensa che il vaccino debba essere obbligatorio per tutti a prescindere. Le donne sono più propense a rendere il vaccino facoltativo (il 56% delle intervistate), mentre gli uomini si dividono esattamente a metà (50% pro obbligatorietà e 50% contro). Il sondaggio Emg-Different Adnkronos evidenza come più si cresce di età, maggiore è la propensione all’obbligatorietà del vaccino.

La percentuale di favorevoli ad una scelta libera scende dal 62% di chi ha meno di 35 anni al 44% su una fascia di età che va dai 55 anni in su.

Vaccino, più favorevoli gli anziani

Secondo il sondaggio, oggi solo il 19% della popolazione non farebbe il vaccino. E se il 77% del campione considerato è favorevole alla vaccinazione, bisogna distinguere tra chi lo farebbe subito, e chi vorrebbe avere prima dei risultati.

Infatti solo il 34% farebbe subito il vaccino anti-Covid, mentre il 43% preferirebbe aspettare qualche mese. Gli uomini sono più convinti (l’82% vorrebbe fare il vaccino) mentre tra le donne c’è qualche dubbio (73%). Ancora una volta, cambia la percezione in base alle fasce d’età: tra i giovani under35 è disponibile a farlo il 63%, tra i 35 e i 54 anni la percentuale sale al 71% e si ferma al 90% per chi ha più di 55 anni. E il consenso al vaccino cambia anche a seconda delle Regioni: al Nordest i favorevoli sono l’87%, poi c’è il Centro Italia con l’85%, il Nordovest si ferma al 78%, mentre si scende nelle Isole con il 71% e al Sud con il 65%.

Contents.media
Ultima ora