×

Galli troppo in tv, lockdown personale? “Declino quattro quinti delle richieste”

Condividi su Facebook

Galli troppo in tv, sarà lockdown personale? Il primario del Sacco dice la sua in merito alle comparsate tv e auspica un suo personale lockdown

Il professor Galli e Otto e mezzo

Galli troppo in tv, sarà lockdown personale? Il professore rivela che di solito lui declina “i quattro quinti delle richieste” delle tv. Richieste di esprimere il suo parere sull’emergenza Covid in Italia. Il responsabile del reparto malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano sostiene in pratica che è l’informazione che mette in moto la giostra dei virologi catodici: “Pare che tutti abbiate bisogno di riempire i palinsesti e insistiate per avere determinate voci, alcuni per fare corrida e altri per fare informazione seria.

Sono stato tentato di fare il mio personalissimo lockdown e di rimanere in silenzio per 2-3 settimane”.

Galli troppo in tv, sarà lockdown personale? Le dichiarazioni.

Il professor Galli, dopo l’allarme sulle varianti smentito dal suo stesso ospedale, ha sostenuto questa tesi a Otto e mezzo.”Però il punto è che in questo momento siamo in una congiuntura particolarmente seria e preoccupante. Credo di essere sempre stato coerente nelle posizioni che ho portato, molte cose che ho preconizzato si sono avverate.

Stiamo attenti in questo momento, questo vi posso dire”. In tema di vaccinazioni Galli non ha dubbi: “Se quello che è stato programmato con tutta l’Europa non si verifica, siamo in un grosso guaio. Bisogna pensare ad una exit strategy che ci garantisca alternativa. La produzione del vaccino non si allestisce in due minuti, gli impianti non sono semplici da mettere in piedi da un giorno all’altro, ma come Italia e come Europa bisogna cominciare a pensarci e anzi bisognava farlo prima.

Una produzione rapida in Italia? Rapida, no. Sarebbe un piano B che non risolverebbe uno dei problemi fondamentali”.

Vaccini, ritardi e previsioni

Poi aggiunge su un tema a lui caro e sui cui non ammette deroghe. “Se vaccini molto e rapidamente riesci a bloccare la trasmissione del virus. Se vaccini in maniera troppo diluita nel tempo non ottieni l’effetto di contenimento complessivo del virus e consenti la circolazione di varianti. Tra un anno potremmo vedere la prospettiva rosea ed esserne fuori. Dobbiamo tener duro”.

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Giampiero Casoni

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora