×

Covid, Crisanti: “In Italia si sta sbagliando tutto”

Le parole di Andrea Crisanti, ordinario di Microbiologia a Padova, sulla situazione Covid in Italia e sulla gestione dell'emergenza.

Andrea Crisanti
Andrea Crisanti

Andrea Crisanti, ordinario di Microbiologia a Padova, è intervenuto a Radio Capital per parlare della situazione Covid in Italia, facendo anche un paragone con l’Inghilterra. Il virologo è convinto che il nostro Paese stia sbagliando tutto nella gestione di questa emergenza.

Crisanti sul Covid

In Italia è un casino, si continua a sbagliare tutto quello che si può sbagliare” ha spiegato Andrea Crisanti, ordinario di Microbiologia a Padova. “Io sono Inghilterra, sono otto settimane che stiamo in lockdown e se ne uscirà il 15 giugno” ha aggiunto il virologo. “In Italia stiamo a discutere non le scuole, ma quelli che vogliono andare al bar, quelli che vogliono andare al ristorante. Se non si capisce che se ci sta la variante brasiliana bisogna fare la zona rossa stile Codogno perché altrimenti si diffonde in tutta Italia e buttiamo un anno di ricerche sul vaccino e incominciamo da capo.

Non c’è visione” ha spiegato l’esperto, preoccupato che la situazione in Italia possa peggiorare nelle prossime settimane.

Per quanto riguarda la diffusione delle nuove varianti tra i giovani, Crisanti ha voluto precisare che bisogna fare qualcosa al più presto. Il virologo ha spiegato che le varianti complicano la situazione, ma non ci sono ancora abbastanza elementi statistici per capire come il virus si diffonda nelle scuole. “Ora c’è la complicazione della variante inglese ed è chiaro che diventa tutto più problematico.

Ma qualche cosa bisognerà fare” ha aggiunto Crisanti. Il virologo ha espresso un parere molto duro riguardo la riapertura dei ristoranti per cena. “Queste son tutte cose fatte in maniera dilettantesca. Finché non ci stanno i dati, qualsiasi cosa la facciamo cercando di indovinare. Bisogna implementare le misure restrittive, e una volta tanto farlo anticipatamente invece di aspettare che i casi vadano alle stelle. Ci sono dati che dimostrano che la variante inglese si sta espandendo a ritmo allarmante” ha concluso.

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Chiara Nava

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora