×

Tre casi accertati di variante sudafricana in Sardegna

Tre casi accertati di variante sudafricana in Sardegna dopo quelle inglese e brasiliana. L'assessore Nieddu esprime preoccupazione ma senza panico

Tre casi accertati di variante sudafricana in Sardegna
L'assessore regionale sardo Mario Nieddu è preoccupato ma senza allarmismi

Tre casi di variante sudafricana sono stati accertati in Sardegna in due paesini del Logudoro e del Sassarese. I ricercatori hanno individuato, pare con una tempestività che fa ben sperare, la nuova variante. Sull’isola erano già presenti quella inglese e quella brasiliana, entrambe più infettive come la sudafricana del virus “originario”.

I tre casi, due in un paese e uno nell’altro, sarebbero stati scoperti alcuni giorni fa e non ci sarebbero altri contagi. Questo dato lascerebbe supporre che l’individuazione sia avvenuta in tempo per “recintare” la nuova variante, ma è presto per dirlo.

Variante sudafricana: il parere di Rubino

Salvatore Rubino, direttore del Laboratorio di microbiologia e virologia dell’Azienda ospedaliero universitaria di Sassari, ci crede. “Potrebbe significare che l’Ats ha isolato i tre pazienti in tempo, prima che facessero circolare il virus anche qui.

Non possiamo negare che abbiamo dubbi sul fatto che i vaccini, in particolare l’AstraZeneca, proteggano dalla variante sudafricana. Tuttavia sembra che eviti le forme gravi di Covid-19: almeno questo, pare che lo faccia”. Poi la chiosa: “La verità è che sulle forme brasiliane e sudafricane non ci sono ancora studi scientifici seri”.

Nieddu: preoccupati ma non disperati

E Mario Nieddu, assessore regionale alla sanità, non nasconde la preoccupazione: “Certo che ci preoccupiamo.

Però non siamo certo disperati. Abbiamo fatto tracciamenti molto accurati su questi tre casi di variante sudafricana e per ora non si segnalano nuovi contagi. Era importante isolare i tre pazienti. Farlo prima che il virus si propagasse ad altre persone, per poi replicarsi di nuovo, e abbiamo speranze di esserci riusciti”.

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Giampiero Casoni

Giampiero Casoni è nato a San Vittore del Lazio nel 1968. Dopo gli studi classici, ha intrapreso la carriera giornalistica con le alterne vicende tipiche della stampa locale e di un carattere che lui stesso definisce "refrattario alla lima". Responsabile della cronaca giudiziaria di quotidiani come Ciociaria Oggi e La Provincia e dei primi free press del territorio per oltre 15 anni, appassionato di storia e dei fenomeni malavitosi. Nei primi anni del nuovo millennio ha esordito anche come scrittore e ha iniziato a collaborare con agenzie di stampa e testate online a carattere nazionale, sempre come corrispondente di cronaca nera e giudiziaria.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora