Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Dieta vegana: come dimagrire in modo sano
Salute & Benessere

Dieta vegana: come dimagrire in modo sano

Dieta vegana.
Dieta vegana: come dimagrire in modo sano.

Avete deciso di iniziare una dieta vegana ma non conoscete ancora come funziona? Ecco tutti i segreti della dieta vegana e come dimagrire in modo sano

Tra i regimi alimentari più seguiti negli ultimi anni in Italia c’è sicuramente quelli vegano, anche se nell’ultimo ha avuto un calo della 0,9% rispetto al 2017. Secondo uno studio effettuato da Eurispes, in Italia è minore il gruppo di soggetti che segue la dieta vegana, ma è in aumento la dieta vegetariana. Secondo il campione analizzato il 6,2% degli Italiani si dichiara vegetariano e coloro che la scelgono sono il 6,7% donne e il 41,4% uomini per ragioni di salute.

Dal campione emerge anche che il 17,2% di donne e il 22,4% di uomini sceglie la dieta vegetariana per ragioni etiche nei confronti degli animali. Nonostante ci sia un calo della totale dieta vegana, tra le varianti più estreme del veganesimo possiamo trovare i fruttariani (1 su 4), i crudisti (1 su 3) e poi i pesco-vegetariani (coloro che non mangiano carne di volatili e animali terrestri) e i raccoglitori (coloro che si cibano solo di ciò che cade dagli alberi).

Dieta vegana

Quando parliamo di “Dieta Vegana” intendiamo un regime alimentare che evita completamente i prodotti di origine animale.

Nella dieta vegana vengono esclusi anche miele, latte, uova e formaggi che invece fanno parte della dieta vegetariana. La dieta vegana può essere considerata anche una sorta di “Stile di vita”, poichè incide profondamente sulle abitudini quotidiane (es: abbigliamento) e sul cercare di evitare qualsiasi forma di violenza su animali e ambiente.

La dieta vegana sta riscuotendo inoltre moltissimo successo, poichè si avvicina a diverse religioni/filosofie orientali che eliminano completamente dalla tavola il consumo di prodotti animali per rispetto verso tutte le forme di vita viventi e l’idea del “diritto alla vita” di tutte le creature del mondo animale. Un altro motivo della scelta vegana sono diverse motivazioni salutistiche che dimostrano quanto la carne possa creare problemi salutari.

Moltissimi cibi derivanti dagli animali portano problemi salutari come coronaropatie, iperuricemie, dislipidemie ecc… e per questo motivo moltissimi soggetti iniziano a scegliere un regime alimentare vegano. Secondo il medico statunitense Mc Dougall per limitare le patologie citate precedentemente è necessario seguire uno schema dietetico ipocalorico ad elevatissimo contenuto in fibre che deve essere associato 75-87% di carboidrati, 6-15% di proteine e 5-10% di lipidi

Dello stesso pensiero sono i medici Mark e Virginia Messina che sostengono totalmente la dieta vegana, affermando che eliminando completamente tutti i grassi apportati con l’alimentazione, può migliorare notevolmente il rischio cardiovascolare.

Mark e Virginia Messina consigliano di eliminare totalmente gli alimenti di origine animale, ma soprattutto alimenti grassi (es: tofu) e quelli di origine vegetale oleosi (es: olive, frutta secca ecc…).

Questo tipo di regime, però, è in contrasto netto con ciò che affermano tutti i medici che consigliano la classica dieta mediterranea. Secondo loro la dieta vegana può risultare dannosa a lungo termine, poichè è assolutamente in disequilibrio con le reali necessità dell’uomo. L’apporto di calcio, zinco e ferro risultano insufficienti, così come il calciferolo (vitamina D) e la cobalamina (vitamina B12) che devono essere reintegrati con del compenso farmacologico.

La dieta vegana è quinti totalmente sconsigliata in determinati momenti della vita come infanzia, adolescenza, gravidanza, allattamento e terza età. La dieta vegana inoltre può favorire il malassorbimento dei pochi principi nutritivi introdotti perchè fa consumare quantità eccessive di fibra alimentare e chelanti. Tutto ciò porterebbe a diverse e gravi complicanze nutrizionali come ipotiroidismo, neuropatie, anemia perniciosa, anemia sideropenia, osteoporosi e spina bifida nel feto.

Programma per la dieta vegana

Quando si decide di iniziare una dieta vegana è importantissimo concentrarsi per prima cosa sulla colazione.

Al posto del latte animali potrete scegliere tra latte di soia, latte di riso o latte di avena e al posto dei biscotti al burro e uova, preferire quelli del supermercato bio di origine vegana. Acquistate inoltre per la colazione muesli a volontà, yogurt vegano, frutta e fiocchi di avena per iniziare la giornata con energia.

Per lo spuntino a metà mattinata scegliete delle gallette di riso con crema spalmabile vegana all nocciole, oppure burro di arachidi o patè vegano di olive. Potete anche fare un panino con del salume vegano che può essere cotto, speziati, affumicato. Per il pranzo scegliete riso, pasta o cous cous conditi con verdure e sugo fresco fatto in casa e al posto del formaggio grana grattugiato scegliete del lievito da tagliare a scaglie.

Vediamo ora insieme un’ipotetico schema settimanale di dieta vegana.

GIORNO 1

COLAZIONE: 2 cucchiai di ricotta di soia, un kiwi, 2 cucchiaini di marmellata light e un panino di semi di zucca.
MERENDA: una mela.
PRANZO: insalata di lattuga, patate con le zucchine.
SPUNTINO: un frutto a piacere.
CENA: insalata di carote, finocchio, pomodori e sedano.

GIORNO 2

COLAZIONE: una fetta di pane integrale con marmellata light, un vasetto di yogurt di soia e una mela.
MERENDA: 150 ml di latte di soia e un frullato di banana.
PRANZO: 80 gr di pasta con la salsa di basilico e pomodoro.
SPUNTINO: un kiwi.
CENA: una fetta di pane integrale con il pomodoro, 100 gr di ricotta di soia e insalata di lattuga.

GIORNO 3

COLAZIONE: un vasetto di yogurt di soia, 2 cucchiai di muesli alla frutta senza zucchero e una mela.
MERENDA: 200 gr di uva.
PRANZO: 80 gr di farfalle con melanzane e zucchine con un filo d’olio e saltate in padella.
SPUNTINO: un frutto a piacere.
CENA: patate cotte al forno e 200 gr di fagiolini lessati.

GIORNO 4

COLAZIONE: 150 ml di latte di soia, 2 cucchiai di fiocchi di avena integrali, una mela e una carota.
MERENDA: un cucchiaino di miele, una pera e 125 gr di yogurt di soia.
PRANZO: 50 gr di pasta con 250 gr di broccoli.
SPUNTINO: una fetta di pane tostato condita con olio e qualche fette di melanzana grigliata.
CENA: zuppa di verdure e 100 gr di ricotta di soia.

GIORNO 5

COLAZIONE: una mela, un vasetto di yogurt di soia con miele e 2 cucchiai di muesli alla frutta senza zucchero.
MERENDA: una fetta di pane integrale con pomodoro e mozzarella.
PRANZO: gnocchi di patate con salvia e funghi champignon.
SPUNTINO: una fetta di tofu e una carota.
CENA: insalata di pomodori, sedano, tofu e cipolla.

GIORNO 6

COLAZIONE: 100 gr di uova, 90 gr di plumcake vegano ai mirtilli, 5/6 mandorle.
MERENDA: 1 mandarino, 30 gr di cialde vegane dello sportivo.
PRANZO: 120 gr di riso integrale alle alghe e verdure, 180 gr di insalata di fagioli con mela e avocado, 60 gr di pane integrale speziato, 90 gr di carote scottate.
SPUNTINO: 3 biscotti vegani alle mele.
CENA: pizza tofu e trevisana.

GIORNO 7

COLAZIONE: 140 gr di arance, 90 gr di biscotti di grano saraceno al cioccolato, 100 gr di latte di riso.
MERENDA: 4 mandorle, 1 yogurt vegano ai frutti rossi.
PRANZO: 160 gr di sformato vegan di miglio e zucca, 50 gr di pane al miglio, 100 gr di insalata di rucola, 100 gr di burger vegani di carote e arachidi.
SPUNTINO: 2 madeleine vagane al limone.
CENA: 150 gr di tabulé di soia e ceci, 160 gr di quiche ai funghi, 140 gr di radicchio rosso in insalata, 70 gr di focaccia allo zafferano con sedano rapa.

Garcinia cambogia per la dieta Vegana

Per non rischiare di avere carenze di vitamina D e vitamina B12, oltre che calcio, zinco e ferro è necessario associare alla dieta vegana un buon integratore vegano e naturale; quello che fa al caso nostro è sicuramente Garcinia Cambogia. Questo integratore permette di coadiuvare l’equilibrio del peso corporeo e controllare il senso di fame, perchè contiene gli estratti del frutto omonimo esotico che viene coltivato in Pakistan e in India.

Garcinia Cambogia grazie all’acido idrossicitrico che inibisce l’azione dell’enzima citrato sintetasi aiuta attraverso proprietà benefiche e dimagranti e riesce a fare perdere peso. Questo frutto riduce lo stimolo della fame ed è perfetto per perdere peso, senza comunque rinunciare ai sapori della tavola. Inoltre, migliora il metabolismo ed è perfetto da associare alla dieta vegana.

Garcinia Cambogia permette di:

  • Aumentare i livelli di serotonina, migliorando l’umore.
  • Stabilizzare i livelli di cortisolo, riducendo lo stress e limitando l’accumulo di grassi.
  • Contenere ingredienti naturali e sicuri per la salute.
  • Sopprimere l’appetito, aiutando a controllare le calorie assunte giornalmente e a dimagrire più facilmente

Per chi fosse interessato può cliccare qui o sull’immagine seguente

GARCINIA CAMBOGIA.

Gli ingredienti dell’integratore sono:

CALCIO, CROMO E POTASSIO: sono inclusi nella formula di Garcinia Cambogia perché aumentano la biodisponibità e l’assorbimento.

CROMO: coadiuva i processi di dimagrimento, poichè regolarizza i livelli di zucchero nel sangue e causa un calo del senso di fame, stimolando il metabolismo bruciando più calorie. Inoltre, favorisce la tonicità muscolare e la massa dei muscoli.

GARCINIA CAMBOGIA: è stato usato da secoli dalle popolazioni dell’India e della Cina per le sue proprietà di soppressore dell’appetito. In particolare, veniva assunto dai viaggiatori per non soffrire troppo la fame durante i loro lunghi tragitti.

ZINCO: è un minerale antiossidante presente nel nostro organismo che favorisce il metabolismo stimolando la rigenerazione cellulare e facilitando un corretto funzionamento del sistema immunitario.

Ecco alcune recensioni positive di chi ha acquistato Garcinia Cambogia. prese direttamente sul sito ufficiale del prodotto

“La vita di tutti i giorni chiede spesso un conto salatissimo alla mia linea e al mio giro vita. Lavoro, figli, stress: per me è sempre stato difficile seguire una dieta rigida ed il mio peso era diventato davvero eccessivo. Con Garcinia Cambogia, senza troppa fatica, sono tornata ad avere una linea invidiabile ed ho ritrovato la mia bellezza” (Luana, 28 anni).

“Mi sono sempre sentito più giovane della mia età anagrafica, anche se il mio metabolismo non è piu quello di un tempo. Da quando ho provato Garcinia Cambogia la mia vita è cambiata!! Ho perso il grasso in eccesso e non smetterò” (Emilio, 52 anni).

Garcinia Cambogia è un integratore unico che non si può acquistare in farmacia o al supermercato. Per acquistare Garcinia Cambogia è necessario collegarsi al sito ufficiale, registrarsi, scegliere l’offerta migliore e prenotare il prodotto. Garcinia Cambogia sarà consegnata in pochissimi giorni per mezzo di corriere e il pagamento si potrà effettuare on-line, oppure al corriere al momento della consegna in modo sicuro e rapido. Soddisfatti o rimborsati al 100%!

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Nata durante l'estate del 1991. Sono laureata in Scienze dei Beni Culturali e Lettere Moderne. Amo scrivere, la moda, gli animali, l'arte, il cinema e i viaggi.