Si ferma per aiutare amico: stuprata e uccisa | Notizie.it
Si ferma per aiutare amico: stuprata e uccisa
Esteri

Si ferma per aiutare amico: stuprata e uccisa

hanna cornelius

Si era fermata con l'auto per aiutare un amico in difficoltà. E' stata violentata dal branco e poi uccisa a colpi di pietra.

Hanna Cornelius, 21 anni, è stata trovata esanime tra i cespugli, sul ciglio di una strada. Secondo la ricostruzione, la giovane si sarebbe fermata per aiutare un amico assediato da 4 uomini. I criminali l’hanno violentata e poi uccisa a colpi di pietra per poi fuggire credendo di aver ucciso anche il ragazzo.

Aiuta amico, violentata e uccisa

Hanna Cornelius, 21 anni, è rimasta uccisa per avere provato ad aiutare un amico. Il ragazzo, Cheslin Marsh, 22 anni, era stato preso di mira da una gang. I 4 ragazzi hanno rapito Hanna per poi violentarla per ore e ucciderla a colpi di pietra. La studentessa è stata rinvenuta sul ciglio della strada, in una pozza di sangue. L’episodio è avvenuto a Stellanbosch, nell’interland di Città del Capo. Sembra che Hanna, di passaggio con la sua auto, si sia offerta di dare un passaggio a Cheslin dopo averlo visto in difficoltà. Il gruppo però non ha gradito l’intromissione della giovane, facendola pagare con la vita.

Sequestrati e violentati

La gang ha sequestrato i due, li ha caricati nell’auto e li ha portato nella periferia della città, dove sono avvenute le violenze.

Cheslin è stato rinchiuso in una valigia, picchiato e lasciato agonizzante. Hanna invece è stata violentata da tutto il gruppo, a turno, per poi essere uccisa a colpi di pietra. I criminali sono poi fuggiti, credendo di aver ucciso entrambi i giovani. Cheslin però non era morto, ha raccolto le poche forze rimaste ed è andato a chiedere aiuto. Il 21enne, completamente ricoperto di sangue ha raggiunto una casa vicina e ha dato l’allarme. Grazie alla sua testimonianza il gruppo di criminali è stato individuato: si tratta di quattro uomini di età compresa tra i 27 e i 33 anni. Tutti sono stati identificati e arrestati con l’accusa di omicidio, rapimento e stupro.

“Ero uscito con degli amici e stavo usando lo skatebord per tornare a casa – ha detto Cheslin – ma quando Hanna mi ha visto ha insistito per darmi un passaggio per evitare che quella banda potesse darmi fastidio”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche