Siria, attentato dell’Isis a Manbij: militari americani tra le vittime
Esteri

Siria, attentato dell’Isis a Manbij: militari americani tra le vittime

Siria, attentato a Manbij

L'attacco nella città controllata dalla fazione arabo-curda sotto l'appoggio Usa è stato rivendicato al'Is: sarebbero 15 i civili tra le vittime.

Nella giornata di mercoledì 16 gennaio 2019, un’esplosione nella città di Manbij (nella zona settentrionale della Siria) ha colpito le milizie della coalizione arabo-curda guidata dagli States. Secondo quanto riportato dall’agenzia Reuters, sarebbero quattro i militari americani rimasti uccisi dopo l’attentato kamikaze. L’agenzia di propaganda di Amaq ha diffuso dopo pochi minuti dall’attacco la rivendicazione da parte dello Stato Islamico. Il portavoce della coalizione capitanata dagli Usa ha confermato su Twitter la presenza dei militari tra le vittime.

Siria, attentato dell’Isis


La detonazione ha avuto origine dopo il folle gesto di un attentatore suicida scagliatosi contro una pattuglia militare nelle vicinanze di un ristorante nel centro della città. Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani ci sarebbero oltre 16 vittime, tra queste 14 sarebbero civili. L’attentato giunge a circa un mese dal sorprendente annuncio del Presidente Donald Trump sul ritiro delle 2mila truppe americane dalla Siria.

Comunicazione, quella del Tycoon, diffusa successivamente alla sconfitta dell’Isis. Dalle prime indiscrezioni, giunte dal portavoce della coalizione statunitense, pare che i militari colpiti fossero in servizio durante un pattugliamento di routine. La Casa Bianca ha fatto sapere che Trump “è stato informato in modo completo e continuerà a monitorare l’attuale situazione in Siria”.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Francesco Leone
Francesco Leone, classe '94, cresciuto a pane, pallone e politica. Leccese in terra meneghina, braccia strappate alla cronaca sportiva e donate al reporting nudo e crudo, anche se spesso e volentieri ritorna alle origini. Ha fatto l'autore, il cronista, il reporter e lo stagista per una televisione nazionale, ora scrive e lavora a inchieste e reportage. Veni, vidi, dixi.