Hugo Sharp, il piccolo nato prematuro: “Hanno dimenticato di operarlo”
Esteri

Hugo Sharp, il piccolo nato prematuro: “Hanno dimenticato di operarlo”

hugo sharp

Pesa solo 14 libbre. Il piccolo nato 3 mesi prima del previsto non risultava neanche in lista d'attesa per un intervento chirurgico vitale

E’ spiacevole la storia di Hugo Sharp, il piccolo nato prematuro la cui crescita necessita di un aiuto particolare: un tubicino che dovrebbe essere inserito nello stomaco e che il bimbo ancora aspetta di ricevere mentre, lamenta sua mamma, viene lasciato morire di fame. Hugo Sharp ad oggi pesa soltanto 14 libbre: non è sereno e non cresce bene come dovrebbe. Pare che i medici abbiano dimenticato di chiamarlo per questo intervento chirurgico assolutamente necessario.

Hugo Sharp ha bisogno di un tubo per crescere

“Ha sofferto per tutta la vita, ha i crampi allo stomaco e la diarrea, non si ferma mai. Lui non dorme, si sta nutrendo con un tubo e con un farmaco dopo l’altro, ha dolore costante e noi siamo come i suoi accompagnatori”. Queste sono le parole di Nikki Sharp, la mamma del piccolo Hugo nato prematuro, tre mesi prima del previsto. Il bambino aveva trascorso le prime nove settimane di vita nell’unità di terapia intensiva neonatale (NICU) presso l’Hull Royal Infirmary.

Quando venne dimesso, aveva un sondino nasogastrico.

I genitori hanno aspettato invano la chiamata dall’ospedale per quell’intervento chirurgico così vitale che a tutt’oggi è ancora in stand-by: hanno scoperto infatti che il consulente di Hugo aveva dimenticato di fare presente la situazione, dimenticando di premere quel tasto di “invio” per mettere il piccolo in lista d’attesa. Parole che suonano stremate perché Hugo Sharp non riceve per davvero abbastanza nutrizione: quel tubo è l’unica soluzione per far sì che possa ingrassare e svilupparsi.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Giorgia Giuliano
Tra cronaca e ristoranti, collabora con diverse testate del mondo food e del fine drinking. Pugliese dal 1994, si laurea a Milano in "Comunicazione, media e pubblicità" e prosegue con un Master di Primo Livello in "Food & Wine Communication". Tempo fa ha bussato alla porta del giornalismo e a quanto pare qualcuno le ha risposto. Per Notizie.it scrive di cosa succede in Italia e nel mondo.