×

Perché l’Inghilterra gioca agli Europei nonostante la Brexit?

Perché Inghilterra gioca gli Europei? Non c'era stata la Brexit? Queste le molte domande che gli utenti si sono posti sui social. Ecco la motivazione.

perché Inghilterra gioca Europei

La finale degli Europei 2020, in realtà 2021, vedrà affrontarsi contro ogni pronostico iniziale, l’Italia di Roberto Mancini e l’Inghilterra di Gareth Southgate. Un atto conclusivo del torno europeo nello stadio di Wembley che eleggerà la formazione più forte nel gioco del calcio.

In molti però si chiedono, soprattutto su Twitter, perchè l’Inghilterra possa partecipare agli Europei malgrado la Brexit, l’atto che ha portato fuori dall’Unione Europea il paese della Regina Elisabetta.

Brexit, perché l’Inghilterra gioca gli Europei?

Il tono dei commenti sul social dell’uccellino è il seguente: “L’Inghilterra che vince #EURO2020 quando in Europa non c’è”.

E ancora: “Visto che il Regno Unito è uscito dall’Ue non dovrebbe essere consentito alla #ENG di giocare la semi finale. Vittoria a tavolino per la #DEN”. Nulla di più sbagliato in realtà, visto che l’Inghilterra è sì uscita dall’Unione Europea, ma resta comunque un paese dell’Europa e, come tale, ha pieno diritto di partecipare agli europei di calcio.

Perché l’Inghilterra gioca Europei malgrado la Brexit

La Brexit non ha dunque ripercussioni sul calcio e sulla possibilità dell’Inghilterra di accedere agli europei. Inoltre, essendo la competizione organizzata dalla Uefa, questa ingloba tutte le federazioni calcistiche d’Europa con l’aggiunta di quelle di alcuni Paesi che non sono prettamente europei. Con specifico riferimento alle nazioni britanniche, ovvero Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord, queste sono tutte geograficamente europee e dunque possono tranquillamente continuare a partecipare alle competizioni della Uef che non richiedono l’obbligo dell’adesione all’Ue.

Perché Inghilterra gioca gli Europei

Al di là di questo aspetto definibile come politico, l’Inghilterra affronterà la finale potendo sfruttare il pubblico di casa. La finale a Londra costituisce un elemento di vantaggio per la nazionale inglese, anche se va detto che proprio nella città britannica sono moltissimi gli italiani che hanno trasferito i loro interessi professionali. Sarà dunque una partita alla pari almeno sugli spalti? Difficile dirlo, ma decisamente bello da immaginare. Due nazioni così diverse e così lontane che hanno spesso imparato a convivere, il Nord d’Europa contro il Sud, la pioggia contro il sole, tutto in 90 minuti su un rettangolo verde di gioco.

Contents.media
Ultima ora