×

Green pass, portuali e autotrasportatori annunciano sciopero venerdì 15 ottobre: “Blocchiamo il Paese”

Portuali e autotrasportatori sono sul piede di guerra per il green pass e hanno annunciato di bloccare tutto durante la giornata di venerdì 15 ottobre.

Green pass portuali e autotrasportatori

Prosegue in Italia la campagna di vaccinazione che ha superato l’80,54% della popolazione over 12 con doppia dose o monodose, ma è alta la tensione per la questione green pass

Green pass, sciopero autotrasportatori e portuali: cosa sta accadendo 

A tal proposito Stefano Puzzer, portavoce dei portuali a Trieste, ha rilasciato alcune dichiarazioni importanti sul tema della certificazione verde. Secondo l’uomo, il 40% dei portuali non è ancora vaccinato a Trieste: il commento è stato riportato dal Corriere della Sera. Nel frattempo è stato indetto il blocco del porto durante la giornata di venerdì 15 ottobre 2021,

Green pass, sciopero autotrasportatori e portuali: la situazione 

Con l’entrata in vigore del green pass è previsto un blocco ad oltranza che i lavoratori hanno annunciato qualora non ci dovesse essere uno slittamento della misura.

Non ci sarebbero soltanto i portuali, ma anche chi viaggia ogni giorno con i mezzi pesanti per trasportare il cibo in Italia e non solo. A parlare della questione è stato Paolo Uggè, presidente di Conftrasporto-Confcommercio. “Se gli autotrasportatori esteri potranno venire in Italia senza il green pass e questo verrà invece imposto alle imprese italiane ci opporremo“, commenta Uggè. 

Green pass, sciopero autotrasportatori e portuali: gli appelli 

Nel frattempo è stato chiesto al ministero dell’Interno di “mettere a disposizione del personale sprovvisto di Green pass test molecolari o antigenici rapidi gratuiti”.

Da un lato gli autotrasportatori chiedono risposte al ministero delle Infrastrutture, dall’altro lato i portuali vorrebbero non compromettere l’attività. Ci sarebbe un alto numero di persone non ancora vaccinate tra i lavoratori del porto. Puzzer parla addirittura dell’85% su un totale di circa mille lavoratori

Contents.media
Ultima ora