×

Guerra in Ucraina, Odessa finisce nel mirino della Russia: navi da guerra aprono il fuoco

La città portuale di Odessa, in Ucraina, è stata attaccata dalle da guerra russe.

Navi da guerra attaccano Odessa

Da settimane si vociferava di un possibile attacco russo alla città di Odessa, città che è pronta a difendersi già dall’inizio del conflitto. Odessa è uno dei punti più strategici sul mar Nero, basti pensare che il porto della città è il principale di tutta l’Ucraina.

Anche Odessa è stata attaccata dalla Russia, continua la guerra in Ucraina

A riferire dell’attacco russo ad Odessa è stato Sergey Bratchuk, portavoce dell’amministrazione militare regionale. Bratchuk ha utilizzato i suoi canali social per riferire quanto accaduto, affermando: “Diverse case sono state distrutte a causa del fuoco di artiglieria sparato da navi russe questa mattina contro Odessa”. Di tale attacco vi è anche un video pubblicato dall’Adnkronos, nel quale si vedono chiaramente dei colpi sparati dal mare.

L’importanza di Odessa

Odessa è una delle maggiori città dell’Ucraina, sia per numero di abitanti sia per l’importanza economica e geopolitica che rappresenta per il Paese. La Russia potrebbe avere ambizioni sulla città portuale di Odessa, in quanto sebbene vi sia una significativa presenza di nazionalisti ucraini e filo occidentali, quasi tutta la popolazione parla prevalentemente russo. Questi due elementi fanno di Odessa un bersaglio importante per la Russia poichè Putin, da ciò che ha reso noto, è intervenuto in Ucraina per “De-nazificare” e difendere le popolazioni russofile e russofone.

Viste le intenzioni del leader russo, la città si è fortificata dall’inizio del conflitto, in previsione di un possibile attacco russo. Inoltre, Vladimir Putin, vuole vendicare la strage di Odessa avvenuta il 2 maggio 2014 ai danni dei manifestanti sostenitori del precedente governo filo russo.

Odessa, la porta per arrivare al cuore dell’Europa

Un’altra questione che lega Odessa alle ambizioni militari di Putin è la vicinanza con la Moldavia.

Al presidente della Federazione Russa non interessa lo Stato confinante con l’Ucraina, ma la Transnistria, una regione della Moldavia che si è autoprcolamata Repubblica indipendente. Dal 2014 è noto che Putin vorrebbe unire alla Crimea filorussa questo territorio indipendente. Se dovesse riuscire nel suo intento, il presidente russo arriverebbe al cuore dell’Europa.

Contents.media
Ultima ora