> > Ilaria Maiorano uccisa a botte in casa, il marito: "È caduta dalle scale, no...

Ilaria Maiorano uccisa a botte in casa, il marito: "È caduta dalle scale, non c'entro"

Donna uccisa a botte

Tarik El Gheddassi accusato di omicidio volontario. Avrebbe ucciso a botte la moglie Ilaria Maiorano in casa a Osimo: "È caduta dalle scale, non c'entro"

Tarik El Gheddassi, 40 anni, è accusato di omicidio volontario per la morte della moglie Ilaria Maiorano, trovata senza vita nel loro appartamento a Osimo. 

Durante l’interrogatorio con i carabinieri di Osimo, l’uomo non ha ammesso il suo coinvolgimento con il crimine ripetendo più volte la frase: “È caduta dalle scale, io non c’entro nulla“.

L’uomo si trova in stato di fermo per omicidio volontario aggravato: secondo una prima ricostruzione degli inquirenti sarebbe stato proprio il marito a spingere la donna dalle scale per poi picchiarla fino alla morte. 

L’aggressione sarebbe iniziata dopo una lite, l’ennesima della coppia. Questa volta, l’uomo si è scagliato contro la moglie, sposata da dieci anni, con violenza, colpendola più volte prima di scaraventarla per le scale. 

Tarik El Gheddassi ha smentito la ricostruzione degli inquirenti che sembrerebbe trovare riscontro dal primo esame del medico legale ha fatto sulla salma e dal racconto di un’amica della vittima.

Sul volto della donna, infatti, sono stati trovati diversi segni compatibili con percosse oltre a quelli compatibili con la caduta. 

Uccisa a botte: la telefonata al 112 e il ritrovamento del corpo

Ad allertare il 112 è stata un’amica della vittima intorno alle 10.20 di ieri, martedì 11 ottobre. La donna, 41enne, era al telefono con Ilaria quando la telefonata si è interrotta. Ha provato a chiamare nuovamente l’amica ma senza ricevere risposta.

La 41enne si è resa conto che una lite si era trasformata in tragedia.

All’arrivo dei soccorritori, Tarik El Gheddassi ha raccontato loro che la moglie era caduta dalle scale. L’uomo è stato portato in caserma dove è stato interrogato per tutto il pomeriggio dagli investigatori e dal sostituto procuratore di Ancona Daniele Paci. Durante tutto l’interrogatorio, l’uomo avrebbe negato qualsiasi coinvolgimento. 

Tarik El Gheddassi era già noto alle forze dell’ordine per spaccio di droga e altri reati.

L’uomo si trovata agli arresti domiciliari. Il sindaco di Osimo, Simone Pugnaloni ha espresso il suo cordoglio: “È stata mia compagna di scuola alle Elementari, era una donna dolcissima, sempre con il sorriso sulle labbra”. 

LEGGI ANCHE: