Incendio a Londra: edificio in fiamme a West Hampstead
Incendio a Londra: edificio in fiamme a West Hampstead
Cronaca

Incendio a Londra: edificio in fiamme a West Hampstead

Incendio a Londra
Incendio a Londra

Un centinaio di vigili del fuoco lavora per soffocare le fiamme che hanno provocato un incendio in un blocco di appartamenti londinese

Cento vigili del fuoco sono stati chiamati ad affrontare le fiamme che hanno devastato un intero edificio a West Hampstead, nel cuore della capitale britannica. L’incendio pare sia scoppiato al quinto e ultimo piano della palazzina a nord-ovest di Londra. Infatti, la parte superiore dell’edificio è stata completamente sventrata.

Incendio devastante a Londra

I vigili del Fuoco di Londra sono stati svegliati nel cuore della notte. L’equipe è stata chiamata in soccorso presso l’ultimo piano di un blocco di appartamenti in Inglewood Road, nel quartiere di West Hampstead, poco dopo l’una di notte. Circa 50 persone sono state evacuate dall’isolato e due persone sono state aiutate dai vigili del fuoco.

Incendio a Londra

Fonti locali e vicine agli uomini intervenuti nel soccorso, hanno fatto sapere che al momento la situazione è sotto controllo. Il il fuoco è stato spento, ma la zona continua a essere monitorata. Proseguono gli accertamenti. Il servizio di ambulanza londinese ha inviato diversi dei suoi equipaggi, ma non ha portato nessun paziente all’ospedale.

Un portavoce del servizio di ambulanza di Londra ha detto che non sono stati segnalati feriti né vittime. Fortunatamente gli abitanti sarebbero rimasti illesi, sebbene visibilmente scioccati e terrorizzati.

La causa dell’incendio è sotto inchiesta e tuttora da accertare. Tuttavia, cominciano a farsi strada le prime ipotesi (ancora tutte da dimostrare). Le forze di sicurezza, che proseguono con le indagini, hanno chiuso la zona.

Cento uomini contro le fiamme

Il corpo dei vigili del fuoco londinese ha inviato un centinaio di pompieri per far fronte all’incendio scoppiato negli appartamenti a West Hampstead. Così gli uomini hanno risposto a una chiamata d’emergenza ricevuta intorno all’una di notte (ora locale). Le autorità hanno fatto sapere che sono intervenuti in loco ben 15 camion dei pompieri.

Il direttore della stazione, Clainton Murray, ha fatto sapere che la scintilla potrebbe essere scoppiata in un appartamento al quarto piano. “L’appartamento è stato gravemente danneggiato dal fuoco e anche gran parte del tetto è stato distrutto“, ha detto.

A causa dei timori che il tetto potesse crollare, i vigili del fuoco hanno evacuato i residenti dall’ultimo piano e hanno aiutato due persone a fuggire dai piani bassi. Un certo numero di altri residenti si sono auto-evacuati dai piani inferiori. Così ha riferito Murray.

“I vigili del fuoco hanno effettuato operazioni di salvataggio per portare al riparo, ove possibile, i beni dei residenti dai danni causati dall’acqua”, ha aggiunto. “Nelle prime fasi, il fuoco era molto visibile e poteva essere visto per miglia e miglia”.

In seguito all’intervento dei 100 uomini dei vigili del fuoco, la situazione è tornata tranquilla. Tuttavia, l’intenso e pesante odore di fumo ha cosparso l’area circostante per diverse ore e il cielo blu della notte si è tinto di un cupo grigiore, a chiazzi alternato dal fuoco vivo e luminescente.

Ai molti residenti evacuati dalle loro abitazioni sono stati offerti biscotti, panini e caffè. Si sono consolati e sostenuti a vicenda presso il pub Black Lion, che ha aperto le sue porte a tutti i coinvolti.

Le dichiarazioni dei residenti

Angelica Malin è una delle testimoni. La donna vive vicino agli appartamenti e ha assistito alla scena, vedendo l’incendio dalla finestra della sua camera da letto.

“Posso vedere i pompieri dentro l’edificio mentre il tetto è in fiamme e ci sono due uomini in gru che lavorano per spegnere il fuoco”, ha raccontato. “È così spaventoso: il mio appartamento è pieno di fumo, i pompieri sono stati fantastici e mi sento confortata dall’aiuto incredibile tempestivo”, ha commentato scossa.

Anche Irene Bradshaw, residente al piano terra, ha commentato disperata l’accaduto. Mentre sedeva su una panchina in strada con indosso i suoi vestiti da notte ha detto: “Spero che noi residenti potremo tornare presto a raccogliere alcune cose essenziali”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche