×

La Lega lancia una petizione per abolire il coprifuoco, Salvini: “Insensato, lo cancelleremo”

La petizione online della Lega contro il coprifuoco: "dagli ospedali buone notizie, la misura non ha senso". Nuove fratture nella maggioranza.

petizione coprifuoco lega

Con il nuovo decreto del governo di Mario Draghi da oggi in buon parte d’Italia torna la zona gialla, situazione di rischio che permetterà a diverse attività di poter tornare a lavorare. Sarà consentito andare al ristorante o al bar fino alle 22, orario in cui gli stessi dovranno chiudere e scatterà il coprifuoco per tutti i cittadini.

Contro questa misura si è schierato da subito uno degli azionisti della maggioranza, la Lega di Matteo Salvini, che chiede che il coprifuoco venga spostato alle 23. Il no secco da parte di Draghi alle richieste del Carroccio, aveva spinto il leader leghista a dire ai suoi di astenersi sulla votazione del decreto. Una rottura in piena regola, con Salvini che, forse anche a fini elettorali, ha cominciato questa sua lotta personale per spostare il “tutti a casa” di un’ora.

Una polemica sterile per molti, ma di fondamentale importanza per la Lega. Si ricorda però che, già dalle prime riunioni sul nuovo decreto, il governo ha sempre ammesso la possibilità di riaggiornare il coprifuoco nel corso delle prossime settimane, proprio per testate l’impatto che le riaperture potrebbe avere sulla curva epidemiologica. 

La petizione contro il coprifuoco della Lega

Salvini, però, non ama aspettare e preferisce entrare nelle vicende con la sua solita irruenza tanto che ai suoi ha detto: “Da dentro lo cancelleremo, questo è l’impegno che mi sono preso”. Di pari passo il leader della Lega ha lanciato una petizione online per raccogliere le firme per eliminare la misura del governo e tornare ad una vita normale. Per Salvini “dagli ospedali di tutta Italia arrivano buone notizie”, motivo per cui la misura “continua ad avere sempre meno senso”. 

Lega, la petizione contro il coprifuoco: le repliche

“Noi donne e uomini liberi d’Italia – si legge nella petizione – chiediamo la cancellazione dell’insensato COPRIFUOCO e la riapertura di TUTTE le attività nelle zone (gialle o bianche) in cui il virus sia sotto controllo”. Per via di questa petizione Salvini è finito sotto l’attacco di molti, specie delle altre forze di governo della maggioranza. Il segretario del Pd, Enrico Letta si è così espresso sul tema: “Oggi Salvini partecipa a una raccolta firme contro il coprifuoco che il governo di cui fa parte ha stabilito, se non vuole stare al governo non ci stia“. A questo attacco il leader del Carroccio ha replicato con: “Il segretario del Pd Letta non si fida degli italiani e li vuole tenere ancora chiusi in casa. Io mi fido degli Italiani e vorrei che tornassero a vivere, lavorare, sorridere”.

Speranza sulla petizione contro il coprifuoco della Lega

Salvini, come ormai noto, è da settimana interessato a distruggere l’immagine pubblica e l’operato del minsitro della Salute Roberto Speranza. A lui ha rivolto spesso attacchi sterili e gratuiti, contribuendo a rendere difficile l’operato del ministro del suo stesso governo. Questa polemica sul coprifuoco non fa altro che seguire il trend. Il ministro Speranza, così come altri membri del governo e del Cts, ha detto sul tema: “L’orario delle 22 ci consente di ridurre la mobilità ed è una scelta che il governo ha deciso di fare dentro una cornice di prudenza. Monitoreremo la situazione di settimana in settimana – ha aggiunto – se ci saranno le condizioni sarò il più felice di tutti a fare altri passi avanti, sul coprifuoco e altre misure”.

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Riccardo Castrichini

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora