> > Le catastrofiche previsioni di Nikki per il 2023: le parole dell’astrologa ...

Le catastrofiche previsioni di Nikki per il 2023: le parole dell’astrologa dei vip

previsioni 2023 nikki

Sarà un 2023 da dimenticare: queste le previsioni catastrofiche di Nikki, la famosa astrologa dei vip di Hollywood. Ecco cosa ha svelato.

Nikki, l’astrologa dei vip, colpisce ancora e annuncia catastrofiche previsioni per il 2023.

Il quadro delineato dalla medium è drammatico in contesto internazionale e non risparmia neppure l’Italia.

Le catastrofiche previsioni di Nikki per il 2023: le parole dell’astrologa dei vip

Matrimoni. Divorzi. Gravidanze. Problemi di salute. Sono questi i principali temi sui quali Nikki, l’ormai famosa astrologa canadese dei vip, elargisce le sue previsioni che hanno come protagonisti i personaggi dello spettacolo che animano il mondo di Hollywood.

Così come accade sempre sul finire dell’anno, l’astrologa ha svelato le sue previsioni per il nuovo anno che, a quanto pare, si preannuncia alquanto disastroso e preoccupante.

Le catastrofiche previsioni, secondo Nikki, riguarderanno anche l’Italia e, soprattutto, la città di Napoli. Il capoluogo campano, infatti, sarà travolto da una eruzione di magma per la medium. Non è stato rivelato, però, se l’eruzione riguarderà il Vesuvio o Campi Flegrei né quale sarà la portata dell’evento.

Oltre all’eruzione, l’astrologa dei vip ha annunciato due terremoti nel Napoletano: uno di proporzioni “importanti” e un altro “gigantesco” che dovrebbe localizzarsi sulla costiera amalfitana.

La guerra in Ucraina, lo tsunami e la carestia

La situazione non migliora a nord di Napoli. Nikki, infatti, ha previsto che il 2023 a Roma si connoterà per attacchi terroristici, bombe alla fontana di Trevi, crolli al Colosseo, esondazioni del Tevere e molto altro ancora.

Uscendo dall’Italia, la medium ha anticipato la vittoria dell’Ucraina sulla Russia ma ha anche affermato che nel mondo tornerà la Poliomielite, seguita dalla Tubercolosi.

Inoltre, si verificheranno uno tsunami nel Mediterraneo e una carestia di portata mondiale.