> > Playboy, all'asta i pigiami e i cimeli di Hugh Hefner

Playboy, all'asta i pigiami e i cimeli di Hugh Hefner

Hugh Hefner

All'asta gli oggetti cult delll'icona della cultura pop Hugh Hefner, fondatore di Playboy. Oltre alla vestaglia, molti altri cimeli curiosi.

Se la moglie Crystal Harris, esclusa dall’eredità, vorrà tenere con sé qualche oggetto appartenuto al marito dovrà comprarli.

Vanno infatti all’asta le iconiche vestaglie, e non solo, di Hugh Hefner. Il fondatore di Playboy si è spento il 27 settembre 2017 all’età di 91 anni. Dopo poco più di un anno, i suoi cimeli diventano una sorta di opere d’arte, almeno per gli appassionati del settore. Ecco quindi che dal 30 novembre al 1 dicembre 2018 sarà lanciata da Julien’s Auctions l’asta di centinaia di memorabilia appartenuti a Hugh Hefner.

Per partecipare però non sarà necessario recarsi a Los Angeles, visto che si potrà fare un’offerta direttamente online.

L’asta di beneficenza

In vendita, oltre alla classica vestaglia e ai pigiami con cui di solito Hugh Hefner amava farsi immortalare, anche il primo numero di Playboy con in copertina Marilyn Monroe. Verrà battuta anche una falsa banconota da cinque dollari con il volto di Hefner: fu un regalo di Clay Felker, proprietario della rivista Esquire.

Hefner infatti inizialmente lavorava per questa rivista maschile statunitense, che abbandonò proprio a causa di un mancato aumento di stipendio da cinque dollari. Nel 1953 fondò quindi Playboy, che divenne ben presto l’icona della rivoluzione sessuale.

Tra gli oggetti in vendita anche molti presenti alla Playboy Mansion, la villa di Los Angeles celebre per le feste organizzate da Hugh Hefner insieme alle tante conigliette. “Siamo onorati di presentare questo straordinario evento – ha dichiarato Martin Nolan, direttore della casa d’aste Julien’s Auctions -.

Vogliamo celebrare l’icona della cultura pop Hugh Hefner, la cui vita ha incarnato completamente il sogno americano“. Il ricavato dell’asta andrà alla Fondazione “Hugh M Hefner”, fondata nel 1964 per sostenere i diritti e le libertà civili negli Stati Uniti.