×

Sandro Mayer, morto per un’infezione improvvisa

Condividi su Facebook

Non era malato. Ha rivelarlo è stata la figlia Isabella ospite a "Pomeriggio Cinque": "Una brutta infezione se l'è portato via".

Sandro Mayer
Sandro Mayer

Sandro Mayer non era malato, la causa della morte è stata un’infezione improvvisa. A rivelarlo è stata l’unica figlia, Isabella, ospite da Barbara D’Urso a “Pomeriggio Cinque”.

La figlia: “E’ morto per una brutta infezione”

Sandro Mayer, giornalista e direttore del settimanale “DiPiù” si è spento all’ospedale San Raffaele di Milano il 30 novembre 2018.

Non era malato, la sua scomparsa arriva all’improvviso e in modo inatteso. La figlia Isabella, ospite da Barbara D’Urso a “Pomeriggio Cinque”, ha rivelato le cause della morte: si è trattato di una brutta infezione che se lo è portato via in una, due settimane. Isabella vuole ricordare il padre per tutto quello che ha fatto, non parlando della malattia come non piaceva al giornalista. Si è anche lasciata andare a racconti personali: “Il 10 novembre, giorno del mio compleanno, stava bene.

Poi è entrato in ospedale, sperava di uscire in pochi giorni, ma non è più uscito”. L’ultima volta che Isabella, unica figlia incinta al settimo mese di gravidanza, ha visto il padre è andata via presto perchè doveva fare un’ecografia. “Mandami una foto”, furono le sue ultime parole, dette con il sorriso.

Giornalista e opinionista

Una laurea in scienze politiche, una vita dedicata al giornalismo. Tra le testate da lui diretti si ricordano “Novella 2000”, “Epoca”, “Gente” per vent’anni.

Mentre dal 2004 guidava “DiPiù” e “DiPiù Tv”, dedicato in modo specifico a tutto quanto ruota attorno alle produzioni per il piccolo schermo, che diventerà la sua seconda casa. Infatti, accanto alla carriera di giornalista, affiancò quella di opinionista e giurato in varie trasmissioni televisive, tra cui “Ballando con le stelle”. Nel programma di Milly Carlucci, oltre a giudicare i concorrenti, seduto su un trono dorato, si lanciava lui stesso in balli sfrenati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Contents.media