Biagio Antonacci ricorda Mia Martini: "Mi dissero di non lavorare con lei"
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Biagio Antonacci su Mia Martini: “Mi dissero di non lavorare con lei”
Lifestyle

Biagio Antonacci su Mia Martini: “Mi dissero di non lavorare con lei”

biagio-antonacci-mia-martini-ricordo

"Mi dissero di non lavorare con lei perché portava sfortuna". Biagio Antonacci ha ricordato le dicerie che funestarono la carriera dell'artista.

Mentre Rai1 mandava in onda “Io sono Mia”, film biografico sulla vita della cantante scomparsa nel 1995, Biagio Antonacci ha espresso il suo personale tributo all’artista dal suo profilo Instagram. “Mia Martini è stata una donna eccezionale nella mia vita” scrive il cantante a corredo di una bella foto dei due. Poi il doloroso ricordo di quelle maldicenze infondate che per tanto tempo hanno funestato la carriera e la vita privata dell’artista, fino alla sua prematura scomparsa. “Certe persone mi dissero allora di non lavorare con lei perché portava sfortuna” scrive. A queste dicerie cui Biagio non ha mai creduto e infatti chiude il suo messaggio “alla faccia di quelli che oggi non fanno più nemmeno i discografici”.

biagio-antonacci-mia-martini

Il ricordo di Biagio Antonacci

“Il nostro disco vendette moltissimo” ricorda Biagio Antonacci su Instagram. Sul social il cantante ha voluto condividere un dolce ricordo della cara amica Mimì. Lui la ricorda così: “umilissima”, come nel giorno in cui la cantante, già famosissima, andò a Rozzano, a trovare l’amico a casa della madre (che gli fece “mangiare una “cofanata” di pasta con il pesce”).

“Lei si mise là – ricorda Biagio – e disse Questa canzone la canto io“. Poi, continua il post “Ascoltò Liberatemi e disse che sarebbe stato un successo pazzesco“.


Io sono Mia, il film

Uscito al cinema, il film biografico è arrivato anche sul piccolo schermo, in onda in prima tv su Rai1. La pellicola, di Riccardo Donna, mette in scena la storia artistica e personale dell’indimenticata Mia Martini, morta improvvisamente nel suo appartamento in provincia di Varese all’età di 47 anni. All’epoca qualcuno ipotizzò il suicidio, pista subito scartata dalle sorelle della cantante che hanno sempre ricordato il periodo felice vissuto dall’artista poco prima della sua scomparsa. Sulle dicerie e maldicenze che hanno circondato la figura di questa grande artista, Serena Rossi, che nel film impersona Mimì, ha detto: “Se oggi siamo qui a ricordarla, a rimpiangerla, a chiederle scusa, allora chi ha vinto è lei”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche