×

Briatore malridotto dalla pizza: il bilancio del suo locale a Londra

Il Crazy Pizza di Londra ha segnato un bilncio poco roseo per Flavio Briatore: i dettagli della vicenda

briatore pizza
briatore pizza

Costo carissimo per la pizza inglese di Flavio Briatore. Il noto manager piemontese ha infatti chiuso non proprio felicemente il bilancio della sua Crazy Pizza Ltd, che gestisce l’omonimo locale di Londra situato nel rinomato quartiere di Marylebone. La perdita pare ammonti a circa 1 milione di euro, mentre i ricavi sarebbero di poco superiori.

I numeri alquanto pesanti sono presenti nel bilancio 2019 della Billionaire Lifestyle, società lussemburghese che fa capo allo stesso imprenditore.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Flavio Briatore (@briatoreflavio)

L’ex marito di Elisabetta Gregoraci aveva inaugurato la catena Crazy Pizza con un primo locale a Porto Cervo, vicino al Billionaire.

Poi era stato aperto il negozio inglese, seguito dalla succursale di Montecarlo. Proprio la società inglese sarebbe tuttavia quella che presenta le maggiori perdite nel Granducato, che ha chiuso con un rosso di oltre 350 mila euro, aggiungendosi così al deficit di quasi 4 milioni accumulatosi negli altri esercizi.

Solo pochi mesi fa, il Crazy Pizza di Briatore finì al centro di una grossa polemica per via dei prezzi troppo elevati.

Le esclusive location dei locali hanno di fatto portato per esempio a richiedere 25 euro per una Margherita in Sardegna. Per non parlare poi delle pizze gourmet: per una mozzarella con prosciutto di Parma si chiedono 26 euro, mentre una focaccia di Recco con formaggio la bellezza di 19 euro. I clienti si sono peraltro lamentati anche dell’aspetto delle pizze. Secondo alcuni l’impasto è infatti troppo sottile, secondo altri invece i condimenti non sono bene assortiti. L’imprenditore si era peraltro difeso su Instagram postando una sua foto mentre addentava una succulenta pizza appena sfornata.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora