×

27 volte in bianco: trama, cast e spiegazione del finale

Condividi su Facebook

Recensione del film 27 volte in bianco, commedia romantica con Katherine Heigl in streaming su Amazon Prime Video

Dal 1 agosto è disponibile in streaming il film 27 Volte in bianco, commedia del 2018 con protagonista Katherine Heigl.

La pellicola è diretta da Anne Fletcher, prima coreografa poi regista, che ha debuttato nel 2006 con il musical Step Up, per poi passare a commedie rosa molto più gradevoli e di successo come Ricatto d’amore e Parto con mamma.

La scrittura del film è stata affidata alla sceneggiatrice Aline Brosh McKenna, nota per aver scritto la pellicola campione d’incassi, con due candidature agli Oscar del 2007, Il diavolo veste Prada con Meryl Streep e Anne Hathaway.

La trama di 27 volte in bianco

Jane Nichols (Katherine Heigl) è una giovane ragazza dal carattere altruista che nella sua vita ha fatto da damigella a ben 27 matrimoni. Per lei, il matrimonio è un evento straordinario e sacro, un sogno che spera di trovare presto incontrando il vero amore.

La sua vita viene stravolta quando la sorella Tess (Malin Åkerman) riceve la proposta di matrimonio da George (Edward Burns), uomo di cui Jane è segretamente innamorata.

Al triangolo amoroso si aggiunge Kevin (James Marsden), aspirante giornalista che tenterà la propria scalata al successo scrivendo un articolo proprio su Jane, con argomento il suo ruolo da eterna damigella.

Il cast del film

La protagonista è l’attrice Katherine Heigl, star del piccolo schermo famosa per la serie tv Grey’s Anatomy, che gli valse numerosi premi tra cui un Emmy Awards per il ruolo di miglior attrice non protagonista.

Completano il cast James Paul Marsden, apparso nel blockbaster Sonic – Il Film del 2020, Malin Åkerman apparsa nel film supereroistico Watchmen del 2009 e Edward Burns apparso nel cult di guerra americano Salvate il soldato Ryan di Steven Spielberg.

Il finale di 27 volte in bianco

Negli ultimi anni c’è stata un’invasione di commedie made in USA con al centro il matrimonio o l’addio al celibato, opere che nella maggior parte dei casi si rivelano insipide di emozioni e incapaci di suscitare ilarità.

27 volte in bianco riesce invece a rendere giustizia alla tematica del matrimonio attraverso lo scontro, seppur banale, tra i caratteri dei vari personaggi.

Nel finale, Jane vede il matrimonio come il coronamento della propria vita sentimentale, mentre, per l’aspirante giornalista Kevin, l’amore risulta come l’occasione per perdere definitivamente la libertà. Ma ovviamente l’uomo ritorna sui propri passi e si sposa romanticamente con Jane sulla spiaggia.

Un dualismo, sebbene semplicistico e diluito per il grande pubblico che crea un contrasto agrodolce in grado di strappare qualche sorriso senza battute volgari e doppi sensi, ad esclusione per l’adattamento italiano del titolo, che fa l’occhiolino al pubblico più malizioso.

Insomma, 27 volte in bianco è un film senza infamia e senza lode che nella sua semplicità riesce a far divertire una buona fetta di pubblico. grazie all’ottima alchimia tra gli attori del cast, in cui c’è una gradevole Katherine Heigl.

Appassionato di cinema sin da quando la sorella gli fece scoprire il folle e straordinario mondo di Quentin Tarantino. Di lì in poi la passione cresce sempre di più sino a fargli frequentare e concludere con successo la laurea triennale in DAMS nell'ateneo di Bologna. Appassionato di cinema e divoratore di serie TV di qualsiasi genere e nazionalità, con una predilezione nei confronti del Western, soprattutto italiano, e dell'horror.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Alessio Balbi

Appassionato di cinema sin da quando la sorella gli fece scoprire il folle e straordinario mondo di Quentin Tarantino. Di lì in poi la passione cresce sempre di più sino a fargli frequentare e concludere con successo la laurea triennale in DAMS nell'ateneo di Bologna. Appassionato di cinema e divoratore di serie TV di qualsiasi genere e nazionalità, con una predilezione nei confronti del Western, soprattutto italiano, e dell'horror.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.