> > Marco Zennaro è arrivato a Fiumicino: l'imprenditore è finalmente libero

Marco Zennaro è arrivato a Fiumicino: l'imprenditore è finalmente libero

Marco Zennaro è atterrato a Fiumicino

L'imprenditore veneto Marco Zennaro è finalmente tornato in Italia, l'aereo che l'ha riportato a casa è atterrato a Fiumicino la mattina del 12 marzo 2022.

Nella mattinata di sabato 12 marzo 2022, l’imprenditore veneto Marco Zennaro è arrivato all’Aeroporto di Fiumicino con un volo che segna il suo ritorno in Italia, ma soprattutto la fine di un incubo durato quasi un anno.

Marco Zennaro è arrivato a Fiumicino: tutti i dettagli

Dopo essere stato trattenuto in Sudan per quasi un anno, Marco Zennaro è finalmente riuscito a tornare in Italia, l’aereo che l’ha riportato nel suo Paese è atterrato nella mattinata di sabato 12 marzo 2022 presso l’Aeroporto di Fiumicino.

L’imprenditore veneto è stato incarcerato in Sudan, dopo essere stato accusato di truffa per la vendita di una partita di trasformatori elettrici, che a dire di un distributore sudanese, non rispettavano gli standard necessari.

Le parole di Marco Zennaro sulla vicenda che l’ha coinvolto

Le prime parole pronunciate da Zennaro, dopo il suo arrivo a Fiumicino, sono state poche ma significative:

Finito un incubo, finalmente a casa“.

Il padre di Zennaro ha finalmente tirato un sospiro di sollievo e ha rilasciato queste dichiarazioni, secondo quanto riportato da Adnkronos:

“Dopo 361 giorni finalmente l’incubo è finito. Ringrazio mio figlio per essere sopravvissuto a quei 75 terribili e infernali giorni di detenzione”.

Il viaggio di Marco Zennaro in Sudan e la sua incarcerazione

Zennaro torna dunque in Italia dopo ben 361 giorni, questo l’arco temporale che l’imprenditore ha dovuto trascorrere in Sudan, ossia nel Paese dove si era recato per risolvere i problemi legati alla vendita dei trasformatori elettrici.

Una volta arrivato in Sudan, Marco Zennaro era stato immediatamente incarcerato e privato del suo passaporto. Dopo aver pagato un riscatto di 400mila euro per ottenere la sua liberazione, la questione sembrava essersi conclusa con un lieto fine, ma così non è stato.

L’imprenditore infatti è stato nuovamente fermato e portato in carcere, qui ha scontato 75 giorni di detenzione e poi è stato trasferito ai domiciliari.

Oggi, finalmente Marco è libero e adesso potrà riabracciare i suoi familiari e tutte le persone che in tutto questo tempo hanno lottato per ottenere la sua liberazione e il suo rientro in Italia. Fortunatamente si tratta di una vicenda che si è conclusa con un lieto fine.