> > Miccio, compleanno festeggiato in pandemia: "Irresponsabile, ma non colpevole"

Miccio, compleanno festeggiato in pandemia: "Irresponsabile, ma non colpevole"

Miccio compleanno pandemia

Enzo Miccio e il compleanno festeggiato in pandemia: il pubblico ministero richiede l'archiviazione.

Nel mese di maggio del 2021, Enzo Miccio festeggiò il suo cinquantesimo compleanno senza badare alle restrizioni del Covid-19.

A distanza di qualche tempo, il pubblico ministero Antonia Pavan ha archiviato la vicenda penale a carico del wedding planner. 

Miccio e il compleanno festeggiato in pandemia

La vicenda legale legata al cinquantesimo compleanno di Enzo Miccio si è conclusa con l’archiviazione. Il fatto risale all’8 maggio 2021, quando il wedding planner organizzò un party presso il Grand Hotel Victoria di Menaggio, in provincia di Como, senza badare alle restrizioni legate alla pandemia da Covid-19.

Le immagini fecero il giro del web, indignando l’opinione pubblica.

Miccio e il compleanno in pandemia: richiesta l’archiviazione

La vicenda penale a carico di Miccio e del direttore dell’hotel Marco Montagnini è stata archiviata. Il pubblico ministero Antonia Pavan ha sottolineato che Enzo non si è comportato in maniera responsabile e corretta, ma non è colpevole. Molto probabilmente, il Pm ha preso questa decisione anche per le motivazioni che hanno spinto il wedding planner ad organizzare la festa in pandemia. 

Enzo Miccio: le parole sulla festa in pandemia

All’epoca della festa in pandemia, Enzo Miccio aveva così giustificato la sua scelta: 

“L’altro giorno è stato il mio compleanno e non volevo rinunciare alla mia festa! Ma so benissimo cosa stiamo vivendo. Ecco perché ho colto l’occasione per dimostrare come sia possibile festeggiare insieme, in piena sicurezza. Come sia possibile far ripartire un comparto da sempre dimenticato, come quello degli eventi. Come si possa realizzare un evento e far si che tutta la filiera lavorativa collegata, ricominci. Ho applicato un protocollo serio con un numero di partecipanti ridotto, a cui è stato fatto un tampone rapido in loco. L’intero staff si è sottoposto a controllo preventivo e insieme siamo riusciti a dar vita ad un evento piccolo, ma che ha portato sorrisi e gioia a tutti gli invitati. Tornare a festeggiare, sorridere e lavorare in sicurezza, è possibile!”.