×

Morte Claudia Bernardi, è giallo sul decesso: lividi sul corpo. Si cerca l’ex convivente

Il mistero sulla morte di Claudia Bernardi si sta infittendo con diversi elementi chiave importanti. Si cerca l'ex convivente della donna.

Morte Claudia Bernardi

La morte della modella Claudia Bernardi, il cui corpo è stato ritrovato nella sua abitazione giovedì 17 marzo si infittisce di nuovi importanti sviluppi ed elementi che si aggiungono d un quadro che appare sempre più intricato. Stando a quanto si apprende sarebbero diversi gli aspetti che non tornano a cominciare dall’ultimo convivente della donna che risulterebbe irreperibile. 

Morte Claudia Bernardi, il ritrovamento e i lividi sul corpo

Il primo punto di partenza è proprio il ritrovamento della donna ad opera dei vigili del fuoco. A dare l’allarme era stato il padre della vittima che da giorni non aveva contatti con la figlia. Tra le prime ipotesi al vaglio degli investigatori vi sarebbe quella del suicidio forse avvenuto per overdose. Eppure non tutti gli elementi potrebbero combaciare a cominciare dai lividi sospetti che sono stati rilevati nel corpo della donna 53enne. 

Altro nodo legato al decesso è la presenza di uno sgabello di traverso appoggiato alla porta.

La finestra della stanza della modella era inoltre spalancata, mentre l’abitazione era in condizioni di sostanziale disordine. 

L’ex convivente della vittima non si trova 

Vi è poi un altro elemento importante che potrebbe portare a fare un ulteriore ordine sulla vicenda ossia l’ultimo convivente della vittima che – stando a quanto viene riportato dal quotidiano locale “La Nuova Venezia” risulterebbe al momento scomparso. L’uomo di 50 anni che avrebbe vissuto fino all’anno scorso con la ex modella, sarebbe legato ad ambienti di tossicodipendenza.

Gli inquirenti a tal proposito starebbero cercando di capire se sia stato proprio lui l’ultimo a vedere la 53enne ancora in vita. In ogni caso per avere un quadro più chiaro della vicenda sarà necessario attendere l’autopsia prevista per il prossimo 21 marzo. 

Contents.media
Ultima ora