E' morto Vinnie Paul, batterista dei Pantera: aveva 54 anni
E’ morto Vinnie Paul, batterista dei Pantera: aveva 54 anni
Musicisti

E’ morto Vinnie Paul, batterista dei Pantera: aveva 54 anni

Vinnie Paul
Vinnie Paul

Sulla pagina Facebook della band heavy metal è stata data la notizia della morte del batterista Vinnie Paul. Ancora ignote le cause del decesso

54 anni e una carriera ancora strabiliante: è morto Vincent Paul Abbott, meglio noto come Vinnie Paul, il batterista dei Pantera. A comunicarlo è il gruppo heavy metal, con un post pubblicato sulla loro pagina Facebook. Le cause del suo decesso sono ancora da accertare.

Addio a Vinnie Paul

Nella mattinata di sabato 23 giugno 2018 sulla pagina Facebook ufficiale dei Pantera è stato pubblicato un post riguardo la morte di Vincent Paul Abbott, meglio conosciuto come Vinnie Paul, batterista della band heavy metal.

Vinnie Paul

Era noto anche per essere il fratello di Dimebag Darrell, anch’egli deceduto durante un live dei Damageplan, gruppo in cui suonava insieme al fratello. Dimebag è stato ucciso durante il live l’8 dicembre del 2004.

La notizia della scomparsa del batterista è stata poi confermata da Billboard. Vinnie militava come batterista negli Hellyeah dopo lo scioglimento dei Pantera. Incolmabile il divario fra Vinnie Paul e Phil Anselmo, cantante della band. I due, infatti, non si parlavano da anni.

L’ultimo disco dei Hellyeah è stato “Unden!able”, uscito nel 2016.

Il musicista aveva 54 anni e non sono ancora note le cause del decesso. Non sono ancora giunte informazioni che chiarirebbero le circostanze della sua morte. Le indagini sono ancora aperte.

La carriera di Vinnie Paul

Vinnie Paul Abbott è nato a Dallas, nel Texas, l’11 marzo 1964. Neanche ventenne, nel 1981, insieme a suo fratello Dimebag Darrell, fondò i Pantera, pubblicando il primo disco (Metal Magic) nel 1983. La svolta arrivò 3 anni dopo, nel 1986, quando la band incontrò Phil Anselmo e lasciò alle spalle le sonorità power metal, rinnovandosi nello stile e nella muscia. Nel 1990 uscì Cowboys From Hell, da molti considerato il primo vero disco dei Pantera. Nel 2003, dopo cinque album (nove se si considerano quelli usciti prima dell’arrivo di Phil Anselmo), i fratelli Abbott annunciarono lo scioglimento dei Pantera.

Far Beyond Driven, del 1994, fu il primo album di metal estremo a scalare la classifica di vendite americana.

L’influenza musicale e culturale dei Pantera è da sempre molto forte. Vinnie Paul era uno dei cuori pulsanti della band e delle loro feste post-concerto.

Dopo lo scioglimento dei Pantera, gli Abbott fondarono i Damageplan, nel 2003. Solo un anno dopo, l’8 dicembre 2004, durante un concerto della band in Ohio, un uomo armato entrò nel locale uccidendo molte persone. Fu una vera strage. Tra i coinvolti, c’era anche Dimebag Darrell. Il tragico omicidio segnò anche la fine della band.

Nel 2006 Vinnie Paul entrò negli Hellyeah, un gruppo che comprende Chad Gray (Mudvayne), Tom Maxwell (Nothingface), Greg Tribbett (Mudvayne) e Bob Zilla (Damageplan). La band ha pubblicato cinque dischi, accolti positivamente dalla critica e dal pubblico.

Tra le reazioni di fan e colleghi, disperati e increduli per la sua morte, ad aver commentato la sua scomparsa c’è il cantante Sebastian Bach. “Penso sia terribile. Ti amavo Vinnie, eri un così bravo ragazzo, è stato così bello conoscerti.

Penso sia una presa in giro che tu non sia qui. La vita è troppo breve. Sono contento di aver fatto feste con te. Grazie per ogni cosa e per la tua grande musica. Soprattutto per l’amicizia e i tour che abbiamo fatto insieme”, dice il musicista piangendo. Il video è stato pubblicato sulla sua pagina Twitter.

Vinnie Paul

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Diadora Cyclette Diadora Atlas
149 €
315 € -53 %
Compra ora
Dolce&Gabbana Light Blue Swimming In Lipari Pour Homme - Tester
44 €
Compra ora