Obesità riconosciuta come vera e propria malattia dall'AMA - Notizie.it
Obesità riconosciuta come vera e propria malattia dall’AMA
Guide

Obesità riconosciuta come vera e propria malattia dall’AMA

I mezzi d’ informazione riferiscono che negli Stati Uniti c’è un crescente tasso di obesità. Recentemente, il tasso di obesità è stato descritto come una vera e propria epidemia.

Libri, articoli e rapporti di ricerca riportano questo fatto e come offrire soluzioni al problema. Le soluzioni, tuttavia, sono in disaccordo tra loro. Diversi programmi radiofonici e televisivi sono dedicati alla consulenza di esperti su come gestire i problemi di peso. Nulla sembra fare molta differenza per le statistiche. L’obesità è in aumento e nulla sembra fermarlo.

L’American Medical Association ha ora dichiarato che l’obesità è una malattia. Essa non è più vista come il risultato, ma come una causa.

Nel corso dei decenni, l’obesità è stata associata a persone con malattie cardiache, ictus, pressione alta e diabete. La maggior parte della gente pensa che l’obesità causi questi problemi. Ma anche le persone magre soffrono di questi problemi così come gli obesi.

C’è forse un denominatore comune?

Inoltre, molti obesi non hanno problemi di salute significative. che differenza c’è allora tra una persona “sana” obesa, una persona obesa con malattie cardiovascolari e metaboliche, e una persona magra con le stesse malattie cardiovascolari e metaboliche? Quali sono i denominatori comuni? Se l’obesità fosse la causa di queste malattie, allora tutte le persone obese avrebbero queste malattie e nessuna persona magra ne soffrirebbe.

Per molti decenni, c’è stato un dibattito nella comunità medica su cosa provochi l’obesità ed i suoi problemi medici concomitanti. Ci sono due ipotesi esplicative: geni e dieta.

Non c’è molto che si possa fare riguardo i geni, ma c’è qualcosa che la gente può fare per la propria dieta. Il problema è che la comunità medica non riesce a essere d’accordo su quale dieta causi l’obesità, la dieta ricca di carboidrati o la dieta ricca di grassi?

Negli ultimi tre decenni, la comunità medica ha raccomandato la dieta a basso contenuto di grassi, come prevenzione primaria per l’obesità. (Vedi le linee guida alimentari nazionali) Il fatto che gli americani siano diventati più obesi dopo queste raccomandazioni è spiegato come ‘gli americani non seguano le linee guida.’

Dal 2007, la ricerca pubblicata sulla dieta e l’obesità ha documentato il fallimento della dieta a basso contenuto di grassi nella riduzione del peso degli obesi rispetto alla dieta a basso contenuto di carboidrati. Questi studi sono stati sistematicamente ignorati.

Nessun fondo stanziato per verificare l’ipotesi: quale dieta è più efficace nel prevenire e ridurre l’aumento di peso. Le conseguenze economiche della modifica delle linee guida alimentari americane sarebbero enormi.

In un continuo sforzo per aggirare questo problema, l’American Medical Association ha dichiarato oggi come l’obesità sia una malattia. Dichiarare l’obesità come una malattia ora consente ai medici di prescrivere trattamenti costosi in forma di interventi chirurgici e farmaceutici, al fine di curare o controllare l’obesità. Questi trattamenti saranno coperti dall’ assicurazione sanitaria americana. Ancora una volta, la medicina si concentra sul trattamento piuttosto che sulla prevenzione.

La domanda però rimane, perché la comunità medica è così restia a esaminare la propria ipotesi e si concentra invece sulle risoluzioni tappabuchi?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*