×

Alluce valgo: le cause e i migliori rimedi

Siete stanchi dei dolori ai piedi a causa dell'alluce valgo? Cosa fare? Ecco quali sono le cause e i migliori rimedi per l'alluce valgo.

Alluce valgo.
Alluce valgo: le cause e i migliori rimedi.

Secondo la Società Italiana della Caviglia e del Piede, in Italia 1 persona su 5 (15-20% della popolazione) soffre di alluce valgo con osso “a cipolla”, mentre altri soggetti lamentano dita a martello, alluce rigido o a griffe. I soggetti più a rischio di disturbi alle dita dei piedi sono quelli di sesso femminile, che ne soffrono rispetto agli uomini dalle 7 alle 8 volte in più. Gli esperti affermano che aveva già una predisposizione l’85% delle persone affette da alluce valgo, mentre il 15% dei soggetti ne soffre dopo altre problematiche.

Alluce valgo

Quando parliamo di “Alluce Valgo” intendiamo una deformazione del primo dito del piede, che appare deviato in laterale verso le altre dita, con sporgenza contemporanea mediale del primo osso metatarsale.

Solitamente questa deformità ossea va ad associarsi a un’infiammazione recidivante o costante della borsa mucosa che troviamo alla base dell’impianto dell’alluce stesso, quando si trova a contatto con la calzatura.

I sintomi principali dell’alluce valgo sono il dolore in corrispondenza della base dell’alluce dove va a formarsi una sporgenza ossea (Esostosi) sul lato interno, sempre più arrossata e infiammata che viene chiamata solitamente “Patata” o “Cipolla”. Nello stesso tempo l’alluce inizia a inclinarsi in modo progressivo lateralmente verso le dita, riuscendo a provocare in queste ultime una deviazione assiale secondaria.

Mano a mano che la patologia va ad aggravarsi, l’alluce può andare a situarsi addirittura sotto il secondo dito che va a lussarsi sull’articolazione metatarsofalangea, fino a trovarsi iperesteso e sollevato.

In casi rari poi, l’alluce può porsi al di sopra del secondo dito, andando a spingerlo plantarmente. le altre dita iniziano ad assumere un atteggiamento a martello, fino a lussarsi anche loro sui rispettivi metatarsi.

Nello stesso tempo, possiamo assistere alla formazione di callosità dolorose sulla pianta del piede, a causa dell’eccessiva sporgenza plantare dei metatarsi, a seguito della ripartizione alterata del carico (Caduta dei Metatarsi). Per valutare la gravità dell’alluce valgo è necessario effettuare una radiografia eseguita nelle due proiezioni standard e in carico. In alcuni casi, si consiglia anche di fare una Risonanza Magnetica o un esame TAC del piede, nel caso si pensi alla coesistenza di un’altra patologia (es: Neuroma di Morton).

Vediamo ora alcuni accorgimenti da seguire per migliorare l’alluce valgo:

CALZATURE ADEGUATE: secondo i podologi la scarpa migliore da indossare deve riprendere la forma naturale dell’arco del piede e il tacco non dovrebbe mai superare i 4-5 cm.

Il tacco troppo alto, infatti, costringe il piede a una posizione scomoda e innaturale.

FARMACI: in molti casi possono ridurre l’infiammazione e il dolore.

FISIOTERAPIA: si consiglia di effettuare dei trattamenti fisioterapici per attenuare il dolore e ridurre i sintomi.

NON STARE TROPPO IN PIEDI: cercate di evitare tutte quelle attività che costringono a stare in piedi per periodi di tempo lunghi.

PLANTARI: per evitare un sovraccarico della parte anteriore del piede, vi consigliamo di utilizzare dei plantari per aiutare a minimizzare la sintomatologia dolorosa.

Alluce valgo: le cause

Vediamo insieme quali sono le cause più comuni dell’alluce valgo.

ALLUCE VALGO PRIMITIVO: le cause di questa patologia solitamente sono costituzionali e genetiche. L’alluce valgo primitivo va a svilupparsi durante gli anni, ricalcando molto spesso un difetto già presente all’interno della stessa famiglia. Il nome “Alluce Valgo Primitivo” o “Idiopatico” deriva dal fatto che la patologia non è riconducibile a diverse cause che ne possano predisporre la formazione.

ALLUCE VALGO SECONDARIO: tale deformità può essere acquisita a causa di malattie degenerative (es: piede pronato post-menopausa), autoimmunitarie (es: artrite reumatoide) o post-traumatiche. In altri casi le deformità si possono verificare con la pronazione sotto astragalica o uno scorretto asse del retropiede con calcagno valgo.

A causare l’insorgenza dell’alluce valgo non sono quasi mai le calzature, ma è piuttosto l’alluce valgo che non riesce a essere tollerato in una calzatura specifica (es: punta stretta, tacco alto ecc…), poichè quest’ultime ne può aggravare l’arrossamento o l’infiammazione. L’alluce valgo molto spesso è una patologia del sesso femminile e va a insorgere soprattutto dopo i 40 anni di età, anche se può verificarsi molto spesso anche nel sesso maschile.

Alluce valgo: il miglior tutore

Una delle patologie dei piedi più comuni è sicuramente l’alluce valgo e nei casi non gravi si può curare utilizzando un tutore preferendolo all’intervento chirurgico. Esistono moltissimi prodotti sul mercato, ma secondo testimonianze e studi specializzati, quello migliore e funzionale è FootFix, un tutore di silicone medico composto di sostanze anallergiche semplicissimo da indossare. Il tutore se utilizzato quotidianamente, può alleviare il dolore e migliorare la malformazione. FootFix opera una spinta che si oppone alla spinta dell’alluce verso il secondo dito e va a modificare la struttura locale.

FootFix permette di:

  • Annullare il dolore collegato all’alluce valgo.
  • Correggere i problemi che sono causa dell’alluce valgo.
  • Correggere la posizione dell’alluce.
  • Sistemare la postura.

Ecco come utilizzare FootFix:

  1. Prendete il tutore dalla pratica confezione.
  2. Inserite il tutore tra l’alluce e l’indice del piede colpito dall’alluce valgo.
  3. Indossate calzini/collant/scarpe, come se il tutore non esistesse.

Per chi fosse interessato, può cliccare qui o sulla seguente immagine

FOOT FIX.
FootFix è un prodotto esclusivo che non viene venduto al supermercato o in farmacia, ma soltanto sul sito ufficiale. Dopo aver compilato il modulo e scelto la migliore offerta, sarete richiamati dal call center del prodotto che vi confermerà l’ordine. FootFix sarà spedito direttamente a casa gratuitamente e si potrà pagare anche alla consegna, attraverso l’opzione del contrassegno. Al momento FootFix è disponibile al prezzo di acquisto di 35€

Vediamo alcune delle numerose recensioni positive di FootFix:

“All’inizio lo avevo reputato un problema da niente. La “cipolla” laterale era a malapena visibile e per la maggior parte del tempo non sentivo dolore. Sono poi arrivata a un punto tale da non poter più indossare nemmeno le scarpe chiuse! Ho deciso così di comprarmi questo tutore, un’amica mi aveva parlato bene in passato di FootFix. Non pensavo che mi aiutasse tanto. Anche se non mi ha risolto il problema, adesso posso indossare le scarpe e camminare senza sentire praticamente più dolore!” (Sabrina, 38 anni).

“Il mio ortopedico mi aveva consigliato un piccolo intervento ma, sinceramente, non mi piace sottoporti alle operazioni se non strettamente necessarie. Perciò cercando su internet ho trovato FootFix. Lo indosso con le scarpe chiuse da quasi due mesi e il dolore è quasi scomparso e mi sembra di notare anche dei miglioramenti sulla deformazione” (Franco, 52 anni).

Per chi volesse saperne di più sull’alluce valgo, può leggere il seguente articolo

Nata durante l'estate del 1991. Sono laureata in Scienze dei Beni Culturali e Lettere Moderne. Amo scrivere, la moda, gli animali, l'arte, il cinema e i viaggi.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Eleonora Cattaneo

Nata durante l'estate del 1991. Sono laureata in Scienze dei Beni Culturali e Lettere Moderne. Amo scrivere, la moda, gli animali, l'arte, il cinema e i viaggi.

Leggi anche