×

Omicidio Sarah Scazzi processo bis: la Corte d’Appello cancella 11 condanne per depistaggio

Il non procedere per intervenuta prescrizione è stato dichiarato per 8 imputati nel process biso per l'omicidio di Sarah Scazzi, compreso Michele Misseri.

Sarah Scazzi

Processo bis per l’omicidio di Sarah Scazzi. La sezione distaccata della Corte d’Assise ha riformato la sentenza del giudice del Tribunale di Taranto. Sono state cancellate 11 condanne per depistaggio.

Omicidio Sarah Scazzi, processo bis: la modifica della sentenza

L’omicidio di Sarah Scazzi è avvenuto il 26 agosto 2010 ad Avetrana, in provincia di Taranto. Sarah aveva 15 anni ed è stata brutalmente uccisa. L’annuncio del ritrovamento del cadavere in un pozzo è avvenuto in diretta a Chi l’ha Visto, dove era ospite la mamma della ragazzina, Concetta Serrano. Per l’omicidio sono state condannate all’ergastolo Sabrina Misseri e Cosima Serrano, rispettivamente la cugina e la zia di Sarah Scazzi.

Michele Misseri, zio della ragazza, è stato condannato a 8 anni per soppressione di cadavere e inquinamento delle prove. Nel corso del processo ci sono state molte altre condanne. Ad oggi la sezione distaccata della Corte d’Appello di Lecce ha deciso di riformare la sentenza del giudice del Tribunale di Taranto, Loredana Galasso, che risale al 21 gennaio 2020. Sono state cancellate 11 condanne nel processo bis per depistaggi legato all’inchiesta del delitto di Avetrana.

Omicidio Sarah Scazzi, processo bis: prescrizione per Michele Misseri e Ivano Russo

Il non procedere per intervenuta prescrizione è stato dichiarato per 8 imputati, compreso Michele Misseri, lo zio di Sarah Scazzi, che era stato condannato in via definitiva a 8 anni per soppressione di cadavere. L’uomo era stato condannato in primo grado a 4 anni di reclusione per autocalunnia, perché aveva accusato se stesso di aver compiuto il terribile delitto.

Arrivata la prescrizione anche per Ivano Russo, il giovane di Avetrana che aveva una freqeuentazione con Sabrina Misseri, cugina di Sarah, e che probabilmente ha scatenato la gelosia della ragazza nei confronti della cugina piccola. In primo grado aveva ottenuto la pena di 5 anni di carcere, la più alta, per le ipotesi di false informazioni al pm e falsa testimonianza alla Corte d’Assise.

Omicidio Sarah Scazzi, processo bis: cancellate 11 condanne

Prescrizione anche per Alessio Pisello, amico di comitiva di Sarah Scazzi e Sabrina Misseri, che ha ricevuto 3 anni per falsa testimonianza, per Elena Baldari, mamma di Ivano, condannata a 3 anni, per Maurizio Misseri, nipote di Michele, condannato a 3 anni, per Anna Lucia Pichierri, moglie di Carmine Misseri, condannato a 3 anni, per Claudio Russo, fratello di Ivano, condannato a 2 anni e sei mesi. Salvatora Serrano, sorella di Concetta e Cosima, era stata condannata a 3 anni e mezzo, ma è stata assolta perché il fatto non sussiste il relazione alle presunte molestie attribuite a Michele Misseri. Sono stati assolti anche Giuseppe Serrano, condannato a 3 anni e 6 mesi, Anna Scredo, cognata del fioraio Giovanni Buccolieri, uomo che avrebbe assistito al sequestro di Sarah da parte di Sabrina e Cosima, che poi aveva dichiarato fosse stato solo un sogno, e Giuseppe Augusto Olivieri, condannato a 3 anni e 2 mesi.

Contents.media
Ultima ora