Palermo: pugno dopo lite per un parcheggio, 53enne in coma
Palermo: pugno dopo lite per un parcheggio, 53enne in coma
Cronaca

Palermo: pugno dopo lite per un parcheggio, 53enne in coma

scontro autobus

Parcheggia sul lungomare ma un 20enne gli dice che il posto è riservato. Ne nasce un litigio, il 53enne viene colpito e sbatte la testa a terra.

Un giovane di 20 anni ha sferrato un pugno in faccia ad un uomo di 53 anni al termine di una discussione su un parcheggio. La vicenda è accaduta sabato 15 settembre ma nel frattempo le condizioni dell’uomo si sono aggravate. Attualmente è ricoverato in coma.

In coma dopo una lite per un parcheggio

Un litigio per un parcheggio si è trasformata in tragedia. Nella serata di sabato 15 settembre un uomo di 53 anni di Caccamo ha parcheggiato la sua moto nei pressi di un locale sul lungomare del Mediterraneo di Campofelice di Roccella (Palermo). Stando alle ricostruzioni dei media locali, un giovane di 20 anni di Termini Imerese si sarebbe a quel punto avvicinato sostenendo che quel parcheggio era riservato. Non convinto, il 53enne ha cominciato a discutere con il ragazzo, ma la lite è presto sfociata in violenza.

Sembra infatti che il 20enne abbia improvvisamente sferrato un pugno in faccia al 53enne. L’uomo è caduto a terra, battendo violentemente la nuca.

Sul posto sono giunti in breve tempo i soccorsi. L’uomo infatti è rimasto immobile e da quel momento non si sarebbe più ripreso. I sanitari del 118 hanno dapprima portato la vittima all’ospedale Giglio di Cefalù. Successivamente, viste le gravi condizioni dell’uomo, questo è stato trasferito nel reparto di Rianimazione a Palermo.

Il quadro clinico del 53enne però in questi giorni si sarebbe aggravato. Il Giornale di Sicilia infatti riferisce che la vittima dell’aggressione è entrato in coma. Attualmente, si trova ricoverato presso ospedale Villa Sofia di Palermo. Il 20enne invece è stato ben presto identificato de denunciato dai carabinieri della compagnia di Cefalù.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche