×

Umberto Bossi oggi: che fine ha fatto il leader della Lega Nord?

Condividi su Facebook

Che fine ha fatto Umberto Bossi? Oggi l'ex leader della Lega Nord svolge un ruolo marginale nel partito, ma è stato comunque eletto Senatore.

Umberto Bossi

Che ne è stato di Umberto Bossi? Cosa fa oggi il fondatore della Lega, mentre il suo partito continua a raccogliere nuovi consensi? Sembra, infatti, che nessuno si ricordi più della “vecchia” Lega, la Lega Nord, e del suo fondatore e guida fino al 2013, Umberto Bossi. Con il nuovo segretario della Lega, Matteo Salvini, il partito sembra aver cambiato registro e sembra seguire una nuova linea politica, come suggerisce anche il cambio di nome: da Lega Nord a Lega.

I tempi sono ormai cambiati per il partito che promuoveva l’indipendenza della Padania e il suo fondatore è definitivamente messo in ombra da Matteo Salvini. Le cronache hanno anche smesso di parlare di lui, ormai vecchio, malato ed emarginato dal suo partito, tanto da spingere le persone a chiedersi che fine abbia fatto l’ex leader della Lega.

Che fine ha fatto Umberto Bossi?

Umberto Bossi, già deputato ed Europarlamentare, è ora Sanatore della Repubblica.

È stato un Ministro nel Governo Berlusconi IV, ma soprattutto fondatore e segretario della Lega Nord, il partito nato nel 1989 dalla precedente Lega Lombarda per unire tutti i movimenti autonomisti del Nord Italia.

Bossi ha mantenuto la leadership del partito fino al 2012, quando – a seguito dello scandalo legato alla distribuzione dei fondi pubblici della Lombardia alla sua famiglia e alle casse della Lega Nord – ha deciso di rassegnare le dimissioni dal partito. Al suo posto inizialmente è stato eletto segretario Roberto Maroni e successivamente è diventato leader indiscusso Matteo Salvini, che ha portato il movimento ad avere consensi mai riscontrati in precedenza.

Attualmente dunque Bossi svolge un ruolo marginale nel partito da lui fondato e inizialmente non ha fatto mistero delle sue rimostranze nei confronti del nuovo segretario Salvini.

Nel 2016 ha espresso il proprio dissenso nei confronti dell’attuale responsabile delle scelte leghiste, incapace, a detta del fondatore, di proporre un programma serio e concreto. Ma oggi, nel 2019, cosa fa Bossi?

Umberto Bossi oggi

Il 14 febbraio scorso Bossi è stato ricoverato per il secondo malore della sua vita. Uscito dall’ospedale di Varese il 5 marzo 2019, l’ex leader della Lega attualmente sembra uscire ed entrare dalla casa di cura Villa Beretta. «La testa è lucida, ma le gambe non rispondono più», come lui stesso ha raccontato in diverse interviste. Quando non è a Villa Beretta, Bossi vive nella casa di Gemenio, a Varese, ma non può che godere dell’ingresso e del piano terra, dato che le barriere architettoniche ormai sono diventate insuperabili.

La casa è stata attualmente messa in vendita sia perché inaccessibile all’ex leader, sia perché la famiglia deve affrontare forti difficoltà economiche, da quando la Magistratura ha scoperto che parte dei fondi della Lega erano stati utilizzati per le spese familiari.

Ad oggi Bossi rimane comunque Senatore e, almeno ufficialmente, Presidente della Lega.


Il congresso della Lega di Sabato 21 dicembre

Sabato 21 dicembre ci sarà un congresso della “vecchia” Lega in cui si dovrà approvare la bozza dello statuto del movimento. Il congresso di sabato serve ad evitare le sovrapposizioni esistenti tra Bossi e Salvini, e consentire a quest’ultimo di operare con più efficienza.

Secondo le prime indiscrezioni, sarà confermato il famoso articolo 1 dello statuto, che definisce la Lega un movimento per l’indipendenza della Padania, e Bossi rimarrà Presidente a vita della Lega.

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche