×

Mattia Santori: “Alla fine di queste elezioni avremo già vinto”

Condividi su Facebook

Ospite a Piazzapulita, Mattia Santori ha espresso la propria opinione sulle imminenti elezioni in Emilia - Romagna

Mattia Santori

Tra gli ospiti di Corrado Formigli a Piazzapulita, Mattia Santori ha espresso la propria opinione sulle imminenti elezioni in Emilia – Romagna e sulla possibilità di fare politica senza spendere soldi per utilizzare gli strumenti di marketing.

Le dichiarazioni di Mattia Santori

Tra gli ospiti dell’ultima puntata di Piazzapulita, Mattia Santori, uno dei fondatori del Movimento delle Sardine ha risposto ad una domanda posta dal presentatore, Corrado Formigli, su quella che può essere considerata la responsabilità della sinistra. Ebbene, secondo Santori è bene cercare di cambiare punto di vista, ovvero non parlare di “combattere una realtà che esiste”, bensì chiedersi “cosa faccio io per migliorar quella realtà? Prima di puntare il dito, cosa facciamo noi per fare politica in questo paese, cosa facciamo noi per rendere lo Stato migliore. Cosa faccio per rispettare le regole che ci sono in un Paese? Questo è il punto fondamentale”.

Per poi aggiungere: “Io l’ultima elezione in Emilia Romagna neanche me la ricordo, non so neanche se ho votato.

È questo il cambiamento. Ad un certo punto ci siamo guardati e abbiamo detto: “ma noi cosa abbiamo fatto fino adesso?“. Ad un certo punto abbiamo deciso di rimboccarci le maniche e di dire la nostra. Alla fine di queste elezioni avremo già vinto, perché abbiamo detto la nostra. A volte in modo strano, a volte in modo ingenuo, però intanto ci siamo”.

Anche perché “Dal nostro punto di vista in Emilia Romagna è in corso una campagna straordinaria. La popolazione si mobilita durante la discussione elettorale e questo è molto bello”. Il prossimo 19 gennaio, inoltre, “a Bologna abbiamo organizzato un grande concerto. Ci saranno i Subsonica, Afterhours e altri che non posso ancora annunciare”.

Inevitabile, poi, un commento su Matteo Salvini, con Mattia Santori che ha risposto di non seguirlo “prima e non lo seguo ora”.

Nel corso della puntata, poi, il leader del Movimento delle Sardine ha voluto sottolineare come siano riusciti ad insegnare qualcosa a chi vuol fare politica, ribadendo come “Si può fare e parlare di politica senza spendere un euro su Facebook. Noi siamo attualmente a 300 mila followers e siamo una forza che non ha speso un euro su Facebook. Siamo l’unica forza politica, non partitica, che esce senza sponsorizzate, abbiamo dei livelli di engagenment incredibile. Quindi questo significa, non destra o sinistra, ma che si può fare politica senza per forza ricorrere agli strumenti di marketing”.

Scrivi un commento

1000

Leggi anche