×

Antisemitismo in Italia, Salvini: “È colpa dei migranti musulmani”

Condividi su Facebook

In un'intervista al giornale 'Israel Ha-Yom', Matteo Salvini ha dichiarato che l'antisemitismo in Italia è dovuto all'arrivo di migranti musulmani.

salvini-emilia-romagna

In un’intervista al giornale israeliano ‘Israel Ha-Yom’ Matteo Salvini ha dichiarato che il crescente antisemitismo in Italia e in Europa è dovuto all’arrivo di migranti di fede Musulmana. Inoltre il leader della Lega ha promesso che quando sarà premier riconoscerà Gerusalemme capitale di Israele.

Antisemitismo in Italia, il commento di Salvini

“La massiccia presenza di immigrati provenienti da Paesi musulmani contribuisce alla diffusione dell’antisemitismo anche in Italia, ha dichiarato Matteo Salvini al quotidiano israeliano ‘Israel Ha-Yom’. “C’è – ha continuato il leader della Lega – un antisemitismo dell’estrema destra e dell’estrema sinistra. Pensiamo a Jeremy Cornyn o ad attivisti della sinistra in Germania che non vogliono essere come i nazisti eppure si trovano a boicottare prodotti israeliani”.


Salvini: “Gerusalemme capitale di Israele”

Nell’intervista al quotidiano ‘Israel Ha-Yom’, Matteo Salvini ha anche promesso di riconoscere Gerusalemme quale capitale di Israele quando diventerà Presidente del Consiglio italiano. E sui rapporti del suo partito, la Lega, con alcune formazioni politiche di estrema destra ha spiegato: “Alle elezioni partiti come Casa Pound, Forza Nuova e Fiamma si presentano contro di noi, questo dimostra che noi non abbiamo legami con loro”.

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Redazione Notizie.it

La redazione è composta da giornalisti di strada, fotografi, videomaker, persone che vivono le proprie città e che credono nella forza dell'informazione dal basso, libera e indipendente. Fare informazione, per noi, non è solo un lavoro ma è amore per la verità.

Leggi anche