×

Dpcm, riunione tra Speranza, Boccia e i governatori: ipotesi restrizioni fino al 15 gennaio

Condividi su Facebook

É iniziata la riunione tra i governatori delle Regioni e i ministri Boccia e Speranza per decidere le misure da inserire nel dpcm.

Ha preso il via la riunione in videocollegamento tra i ministri Roberto Speranza e Francesco Boccia e i governatori delle regioni per mettere a punto le misure da inserire nel dpcm in vigore dal 4 dicembre 2020. Secondo quanto appreso c’è l’ipotesi che quest’ultimo rimanga valido almeno fino al 10 gennaio, se non addirittura fino al 15.

Il ministro della Salute avrebbe infatti sottolineato durante l’incontro che “allentamenti delle misure potranno essere decisi a partire dal 15 gennaio. Ma solo sulla capacità di tenuta durante le vacanza di Natale”.

Il ministro Boccia ha invece ribadito il no alla mobilità interregionale, anche tra zone gialle, e il coprifuoco alle 22.

Riunione tra Speranza, Boccia e i governatori sul dpcm

La linea del governo sarebbe quella del rigore e della prudenza per evitare che le vacanze di Natale possano produrre gli stessi effetti di quelle estive.

Tra le ipotesi vi sono infatti la chiusura di hotel e resort di montagna dal 20 dicembre al 10 gennaio, la serrata degli impianti sciistici e il divieto di spostamento tra regioni se non per comprovate esigenze.

Alcuni dei Presidenti di regione proporranno un allentamento delle misure per ridurre i disagi economici. Veneto, Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Friuli-Venezia Giulia e Province autonome di Bolzano e Trento vorrebbero infatti aprire gli impianti di risalita delle piste da sci per gli ospiti degli alberghi e delle seconde case.

Ma il governo non sembra intenzionato ad accogliere la loro proposta.

Dato che in sede europea difficilmente si raggiungerà un accordo sulle vacanze sulla neve (in Austria e Svizzera rimarranno aperti gli impianti), l’esecutivo dovrebbe anche inserire nel decreto la quarantena obbligatoria di dieci giorni per chiunque si rechi all’estero dopo il 20 dicembre. Tra le altre misure quasi certe vi sono poi il coprifuoco alle 22 per la notte di Natale (con messa anticipata)e di Capodanno e il divieto di spostarsi tra una regione e l’altra. L’esito dell’incontro tra Stato e Regioni verrà reso noto mercoledì 2 dicembre nell’informativa del ministro Speranza alle Camere. Il giorno dopo dovrebbe avvenire il varo del decreto da parte del Premier Conte.

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:
2 Commenti
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Corrado
1 Dicembre 2020 15:17

speriamo che il Governo tenga duro, è purtroppo assolutamente indispensabile!

Maria
1 Dicembre 2020 19:08

Che brutta parola Coprifuoco ….sembriamo in guerra!!!


Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

Contents.media