Polvere bianca in Scozia, evacuato parlamento di Edimburgo
Polvere bianca in Scozia, evacuato parlamento di Edimburgo
Esteri

Polvere bianca in Scozia, evacuato parlamento di Edimburgo

polvere bianca

Trovata della polvere bianca in diverse lettere ricevute ed aperte da un deputato conservatore scozzese. La polizia sta valutando sta indagando.

E’ stata trovata della strana polvere bianca in delle buste. Queste erano indirizzate e sono state aperte da un deputato scozzese, appartenente alla fazione dei conservatori. Le autorità sono in azione per valutare la pericolosità o meno dell’oggetto, che potrebbe contenere antrace. Il personale ha avvertito la polizia, che è intervenuta prontamente. Nel loco sono presenti le forze dell’ordine e i vigili del fuoco di Edimburgo che stanno analizzando diverse lettere e pacchi sospetti che sono stati recapitati negli uffici del palazzo scozzese.

Polvere bianca

Non si conosce ancora la fisionomia di questa polvere bianca, si sa ancora meno del motivo della sua presenza nelle buste. Il deputato conservatore a cui erano indirizzate le lettere è Jamie Halcro Johnston. La polizia scozzese, chiamata intorno alle 11,35 di questa mattina, è subito accorsa per mettere in sicurezza l’intero parlamento di Edimburgo e valutare la pericolosità della polvere trovata. Nell’edificio, nel momento in cui è scattato il piano di allarme, vi era principalmente il personale.

Invece, molti dei deputati erano impegnati in riunioni di commissione, e quindi non erano presenti nel palazzo. Il parlamento è stato subito evacuato dalle autorità locali, che adesso sono impegnate nelle indagini e nelle analisi per verificare la natura di questa polvere sospetta.

Polvere bianca

Polvere bianca Merkel

Un caso abbastanza simile si è registrato in Germania lo scorso settembre. Diverse lettere con polvere bianca e lamette di rasoio sono state inviate ad alcune personalità politiche tedesche, di cui una al domicilio di Angela Merkel. Lo hanno reso noto le forze dell’ordine di Berlino, quando mancavano soltanto tre giorni alle elezioni politiche nello stato tedesco. In verità, la lettera giunta alla casa di Angela Merkel era indirizzata a suo marito, il signor Joachim Sauer. La lingua utilizzata in questi scritti è un arabo stentato, e le lettere portano la firma di un gruppo salafita tedesco. Non ci sono per ora conseguenze gravi, nessun attentato terroristico è collegato a questo evento.

Con ogni probabilità si è trattato di uno ‘scherzo’, o di un attimo intimidatorio, ma ‘nulla di più’.

Caso italiano

Anche i Italia, precisamente a Fonte, c’è stato un caso di polvere bianca rinvenuta in due plichi inviati all’ufficio postale. Le indagini hanno però sancito che questa non è nociva. L’ufficio postale era stato chiuso lo scorso 3 aprile dopo il rinvenimento di questa polvere sospetta in due lettere da parte di due dipendenti che furono anche sottoposti ad una serie di accertamenti. Le due buste, sono state inviate a Roma per le analisi effettuate dai Ris. L’allarme, e la conseguenziale procedura sanitaria, fu attivato in via preventiva nell’ipotesi che si trattasse di antrace. Fortunatamente questa evenienza è stata scongiurata a giugno dal risultato delle verifiche del Ris, che non hanno evidenziato la presenza di elementi nocivi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche