> > Preso a bastonate davanti scuola, scattano denuncia e Daspo urbani

Preso a bastonate davanti scuola, scattano denuncia e Daspo urbani

La polizia indaga su un pestaggio a scuola

Preso a bastonate davanti scuola, scattano denuncia e Daspo urbani: le indagini di polizia e il provvedimento parallelo del Questore competente

In Calabria un ragazzo viene preso a bastonate davanti scuola e scattano i Daspo urbani della polizia.

L’aggressione ad un giovane di Tropea innesca il provvedimento ispirato dal delitto in cui venne ucciso il giovane Willy Monteiro Duarte. Una nota stampa della polizia spiega che “è stato segnalato al numero di emergenza 113 della Polizia di Stato che, in centro cittadino, nei pressi di un istituto scolastico, un gruppo di persone stava aggredendo un giovane”. 

Preso a bastonate davanti scuola

Ma cosa stava succedendo? Ad indagare ci aveva pensato la Squadra Mobile di Vibo Valentia con l’ausilio della Squadra di Polizia Giudiziaria del Posto Fisso di Tropea.

Alla fine era emersa la dinamica del fatto: giorni prima dell’aggressione c’era stato un diverbio, per futili motivi, “fra la vittima e degli altri ragazzi nei pressi di un locale nel centro cittadino”. A quel punto era scattata la spedizione punitiva “nei confronti del ragazzo con cui avevano avuto precedentemente la discussione”. Il ragazzino era stato raggiunto a bordo di una autovettura all’esterno dell’istituto scolastico ed era stato colpito “con un bastone, calci e pugni”

La spedizione punitiva

I tre autori sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vibo Valentia, per il delitto di lesioni aggravate dai futili motivi e dalla premeditazione. Ma non solo: “A tutela dell’Ordine e della Sicurezza Pubblica, il Questore di Vibo Valentia, all’esito dell’istruzione del procedimento da parte della locale Divisione Anticrimine, ha adottato tre provvedimenti di cosiddetto ‘Daspo Willy’, provvedimenti amministrativi disciplinati dal D.L. 14/2017 che prevedono il divieto di accesso e di stazionamento nei pubblici esercizi e/o locali di pubblico intrattenimento all’interno del Comune di Vibo Valentia per 2 anni”.