×

Riforma del lavoro in Belgio: dalla settimana di 4 giorni agli orari notturi: le novità

Dalla settimana lavorativa corta agli orari notturni che inizieranno alle ore 24, sono diverse le riforme messe in atto dal Governo belga.

Riforma lavoro Belgio

Settimana lavorativa corta di soli 4 giorni, maggiore tutela per chi lavora per le piattaforme, ma anche orario notturno che inizierà dalle ore 24.00, sono queste alcune delle novità che sono state raggiunte nella riforma del lavoro approvata dal Governo belga.

I lavoratori potranno svolgere le loro attività in modo più flessibile. C’è di più. L’obiettivo del Belgio è quello di portare il tasso d’occupazione all’80% entro il 2030. 

Riforma del lavoro in Belgio: le principali novità 

Proprio la settimana corta spalmata su quattro giorni lavorativi anziché cinque è forse una delle novità più interessanti. Va tuttavia precisato a tale proposito che, a fronte di un minor numeroi di giornate lavorative, l’orario di servizio potrebbe protrarsi ben oltre le otto ore lavorative.

In sostanza non diventerà un contratto part-time, ma il monte totale delle ore su base settimanale rimarrà invariato. 

Altra misura prevista nella riforma verterà sull’orario di lavoro che slitterà dalle ore 24.00 invece che dalle 20. Ciò – si legge dalla testata “Le Soir” ha uno obiettivo preciso. Il Ministro David Clarinval a tale proposito ha spiegato che il provvedimento “rappresenta un importante passo avanti per consentire la creazione di posti di lavoro nel settore dell’e-commerce”.

Il premier De Croo: “Dopo due anni difficili il mercato del lavoro si è evoluto”

Il primo ministro Belga Alexander De Croo ha sottolineato come il mercato del lavoro in questi anni così difficili si sia evoluto: “Il periodo del Covid ci ha costretti a lavorare in modo più flessibile e il mercato del lavoro si è dovuto adattare”. Infine ha guardato con un occhio particolare l’importaza della formazione: “In un mercato del lavoro dove ci sono molte lacune è importante investire in formazione”. 

Contents.media
Ultima ora