×

Russia annuncia chiusura uffici di Amnesty International, Human Rights Watch e altre Ong a Mosca

La Russia ha annunciato la chiusura degli uffici di Amnesty International, Human Rights Watch e altre Ong che hanno sede a Mosca.

russia amnesty

La Russia ha deciso di chiudere gli uffici di alcune importanti organizzazioni incentrate sulla difesa dei diritti umanitari che hanno sede a Mosca. Nello specifico, sono stati chiusi gli uffici di Amnesty International, Human Rights Watch e altre Ong di fama internazionale.

Russia chiude 15 organizzazioni internazionali e Ong tra cui Amnesty International e Human Rights Watch

Il Ministero della Giustizia della Russia ha revocato dal registro delle organizzazioni internazionali e delle Ong quindici associazioni umanitarie straniere. Eliminando queste realtà dal registro, il Ministero della Giustizia ha di fatto imposto la chiusura delle sedi delle organizzazioni internazionali e delle Ong con sede a Mosca. Tra gli uffici che sono stati chiusi, figurano quelli di Amnesty International e Human Rights Watch.

Il Cremlino ha accompagnato la decisione recentemente annunciata accusando le organizzazioni che operano in campo umanitario di aver violato la legge in vigore nella Federazione Russa. La chiusura degli uffici segue il blocco introdotto nel mese di marzo da Mosca rispetto al sito web in lingua russa di Amnesty International.

Amnesty International sulla chiusura degli uffici in Russia, il commento della Segretaria generale

In seguito alla diffusione della notizia diramata dal Ministero della Giustizia russo, è intervenuta la Segretaria generale di Amnesty International, Agnès Callamard, che ha osservato: “In un Paese in cui decine di attivisti e dissidenti sono stati imprigionati, uccisi o esiliati, in cui i media indipendenti sono stati diffamati, bloccati o costretti all’autocensura e in cui le organizzazioni della società civile sono state bandite o liquidate, devi fare qualcosa di giusto se il Cremlino cerca di zittirti”.

Callamard, inoltre, ha precisato che la chiusura degli uffici di Mosca non bloccherà il lavoro dell’organizzazione. Amnesty, infatti, continuerà “a lavorare per garantire che le persone in Russia possano godere dei propri diritti umani senza discriminazioni”. E ha concluso il suo intervento, precisando: “Raddoppieremo i nostri sforzi per denunciare le clamorose violazioni dei diritti umani da parte della Russia sia in patria che all’estero”.

Amnesty Italia

La chiusura delle sedi russe di Amnesty International è stata ripresa anche da Amnesty Italia che ha scritto su Twitter il seguente messaggio: “Russia: le autorità chiudono il nostro ufficio a Mosca.

Oggi il Ministro della Giustizia ha annunciato che a diverse Ong, tra cui la nostra, sarà revocata la registrazione a causa di non meglio specificate ‘violazioni’”.

Contents.media
Ultima ora