×

Coronavirus, Locatelli: “Sì a riapertura regioni dal 3 giugno”

Condividi su Facebook

Il professore mostra i numeri confortanti della Lombardia, ma allo stesso tempo invita allo scetticismo epr un vaccino entro il 2020.

coronavirus locatelli 3 giugno
coronavirus locatelli 3 giugno

Il presidente del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli ha parlato dell’evoluzione della situazione coronavirus in Italia, mostrando grande ottimismo e prove scientifiche sulla possibilità di una riapertura totale delle regioni a partire dal 3 giugno. Monito a chi snobba la mascherina.

Scettico sull’arrivo di un vaccino entro il 2021.

Coronavirus, Locatelli: “Riapertura regioni dal 3 giugno”

Il Presidente del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli è tornato a parlare della situazione sanitaria causata dal coronavirus, mostrando dati confortanti in ottica riapertura delle regioni dal 3 giugno: “Sono positivi e, per quanto la decisione la prenderà la politica il 29 maggio, se rimanessero così, dal 3 giugno non ci sono ragioni tecniche per non riaprire tutte le regioni.

Secondo quanto descrive Locatelli in questa intervista rilasciata a La Stampa, c’è un netto miglioramento in tutte le regioni, compresa la Lombardia: Tutte le regioni sono migliorate, anche la Lombardia e la Val d’Aosta non preoccupano: ha fatto tanti tamponi e ha una popolazione limitata”.

Progressiva riapertura

Tuttavia, il presidente del Css inviata alla cautela, perché basta poco per tornare indietro: L’indice di contagio non deve superare l’1 e più resta basso più margini avremo per tornare a una vita normale”.

Per Locatelli ancora è lontano il tempo in cui si potrà circolare senza mascherine:“Sono valutazioni premature, che si potranno fare solo quando i casi saranno vicini allo zero in tutta Italia. Si va verso una progressiva riapertura, ma sarà importante tracciare gli arrivi per prevenire contagi di ritorno”, avverte il medico.

Discesa lenta

Sui numeri degli ultimi giorni, il professore spiega come la discesa sia più lenta dell’ascesa: Purtroppo nelle epidemie l’ascesa è rapida, la discesa lenta”.

Intanto il monitoraggio continua, con i tamponi, come testimoniato da Locatelli stesso: L’Italia è la nazione occidentale che ne ha fatti di più rispetto alla popolazione, nell’ultima settimana 60mila al giorno, premette il presidente del Css.

In conclusione, il presidente del Css si mostra più scettico sul vaccino, ancora troppo lontano: “E’ una speranza, ma anche una scommessa pericolosa. Il vaccino è bene trovarlo anche se, nonostante le notizie incoraggianti, non arriverà prima del 2021“.

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Angela Lisa Obinu
23 Maggio 2020 19:37

Aprite i css o qui pagherete i danni psicologici che avete creato a tutti i ragazzi giovani chiusi in queste galere. Sono madre di uno dei ragazzi che ho mio figlio e sta male vuole tornare a casa. Aprite i css


Contatti:
Marco Alborghetti

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.

Leggi anche

Contents.media