×

Covid, seconda ondata in Italia: lo studio

Condividi su Facebook

In Italia la seconda ondata covid è prevista a ottobre, e due ricercatori italiani avrebbero creato un modello matematico per prevederla.

covid seconda ondata italia
covid seconda ondata italia

Uno studio elaborato da due ricercatori italiani svela che l’Italia potrebbe subire una seconda ondata covid tra ottobre e novembre. I ricercatori avrebbero poi creato un modello che permetterà in anticipo a molti settori di prevedere l’ondata e quindi consentire all’intero mercato finanziario di prepararsi al peggio.

Seconda ondata covid in Italia: lo studio

La seconda ondata covid in Italia è prevista tra ottobre e novembre. Questa è la previsione di uno studio condotto da Giacomo Cacciapaglia e Francesco Sannino, due ricercatori italiani, i cui risultati sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista “Scientific reports”.

I due ricercatori però avrebbero fatto di più. Entrambi avrebbero creato un modello matematico che potrebbe aiutare a capire l’evoluzione settimanale dell’ondata, sulla base dei dati già riscontrati in questa emergenza saniataria.

Il modello

Secondo questo modello, per gli esperti la seconda ondata in Europa, e quindi in Italia è prevista per luglio 2020 e gennaio 2021. Inoltre, questo modello matematico consente di tenere a bada i tassi di infezione per ogni Paese attraverso una serie di provvedimenti.

Distanziamento sociale e misure anticovid rimangono le principali armi per combattere il virus in attesa del vaccino.

Questo modello potrà rendersi davvero utile a livello globale, perché è in continuo aggiornamento. Con l’acquisizione dei nuovi dati, infatti, il modello potrebbe diventare uno strumento molto utile per i mercati finaziari, industrie e mondo del lavoro in generale, permettendo a chiunque di prevedere con anticipo possibili picchi e nuove ondate, aumentando le possibilità di contrastare le nuove minacce del coronavirus.

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Ermanno
26 Settembre 2020 22:21

E qualche algoritmo di previsione dei danni che il vaccino procurerà non c’è?


Contatti:
Marco Alborghetti

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.