Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Svelato il nome della modella de “L’origine del mondo”
Lifestyle

Svelato il nome della modella de “L’origine del mondo”

Dopo 150 anni viene svelato il nome della modella utilizzata da Gustave Courbet per il suo celebre quadro "L'origine del mondo".

Il 25 settembre 2018 lo studioso d’arte Claude Schopp ha annunciato di avere scoperto il nome della modella che Gustave Courbet utilizzò per il suo celebre dipinto “L’origine del mondo”. Il quadro, che dipinto nel corso nell’estate del 1866 venne definito “l’opera più scandalosa dell’ottocento” rappresenta una donna nuda sdraiata sul letto, e un’alone di mistero lo ha da sempre avvolto. Il mondo dell’arte si è infatti sempre interrogato sull’identità della giovane donna che il pittore immortala sulla sua tela, ma finora senza successo. Il segreto è però oggi svelato: secondo quanto affermato Shopp la protagonista del quadro sarebbe Costance Quèniaux, una delle amanti del diplomatico ottomano Khalil-Bey, il committente dell’opera. Il quadro, passato di mano in mano nei secoli, è stato da sempre giudicato controverso. Tanto da essere esposto pubblicamente in Francia per la prima volta soltanto nel 1991.

Il nome celato in uno scambio epistolare

Claude Schopp nel suo libro dedicato alla scoperta “L’Origine du monde, vie du modèle” spiega di essere riuscito a scoprire l’identità della donna grazie ad un indizio contenuto in una lettera in cui Alexandre Dumas Junior – figlio del celebre scrittore e anch’egli scrittore e drammaturgo – e George Sand discutono delle opere di Courbet.

In una di esse vi sarebbe infatti indicato il nome della modella utilizzata: mademoiselle Quèinaux.

La scoperta la avrebbe fatta rileggendo l’originale della lettera in questione, accorgendosi che un errore di traduzione aveva trasformato la parola “interni” in “intervista”. Ciò era stato finora tradotto come “Non si dipinge intervista più delicata e sonora di Mademoiselle Quèinaux dell’opera”, ci si è accorti essere invece “Non si dipingono interni più delicati e sonori di quelli di mademoiselle Quèinaux. Un piccolo errore che una volta corretto lo ha fatto subito rendere conto di come i due stessero facendo riferimento alle parti intime della ballerina. Il quadro è recentemente tornato ad essere argomento di discussione quando Facebook, data l’immagine di nudo, lo ha giudicato in violazione dei propri termini di utilizzo. Il social network lo ha quindi bandito dalla piattaforma, scatenando le ire del governo francese.

Una ricostruzione condivisa da altri studiosi

Una ricostruzione condivisa da Sylvie Aubenas, direttrice del Dipartimento Stampa e Fotografia della Biblioteca Nazionale di Francia.

Che conferma l’intuizione: “Questa testimonianza, scoperta da Claude, mi fa dire che siamo sicuri al 99% che la modella di Courbet fosse Constance Quéniaux”

La direttrice spiega che in realtà all’epoca tutti sapessero chi fosse la modella utilizzata dal pittore per il suo dipinto. “Era un segreto noto a tutti” —spiega la direttrice. Che aggiunge che “Se Dumas lascia cadere il suo nome, è più per risentimento nei confronti di Courbet”.

Infatti con l’avanzare degli anni la giovane modella è diventata una donna rispettabile, e il suo passato di modella è cominciato a diventarle “scomodo”. Passato sepolto dalla donna, quindi, che per 152 anni è riuscita a mantenere il suo segreto celato. Ma che torna oggi alla luce del sole.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche