Sequestro fuochi d'artificio: trovati 400 chili in garage
Sequestro fuochi d’artificio: trovati 400 chili in garage
Napoli

Sequestro fuochi d’artificio: trovati 400 chili in garage

sequestro fuochi artificio

Sequestro fuochi d'artificio nel Casertano. I carabinieri hanno trovato ben 400 chilogrammi di "botti" nel garage di un uomo di 63 anni.

Sequestro fuochi d’artificio nel Casertano. Il ritrovamento viene effettuato da parte dei carabinieri che hanno trovato ben 400 chilogrammi di “botti” nel garage di un uomo di 63 anni. L’uomo abita a Taverola, nel Casertano e utilizzava questi artifici in occasione di feste sporadiche. Carmine Menditto, il possessore dei fuochi d’artificio, è poi stato arrestato dalle autorità. Questa vicenda così apre le porte ai sequestri che ogni anno vengono fatti a proposito dei “botti” di fine anno.

Sequestro fuochi d’artificio

I carabinieri di Casoria hanno trovato 400 chilogrammi di fuochi d’artificio all’interno di un garage. La merce apparteneva ad un uomo di 63 anni di nome Carmine Menditto. L’uomo utilizzava questi “botti” in occasioni sporadiche. Talvolta veniva commissionato per alcune feste e quindi soleva utilizzarli in quegli eventi. Il garage in cui erano nascosti i fuochi d’artificio si trova a Teverola, nel Casertano.

Ma c’è un dettaglio piuttosto inquetante che emerge dal sequestro fuochi d’artificio.

Insieme al materiale è infatti stato trovato anche un temporizzatore che viene utilizzato per programmare l’accensione delle batterie. Se per caso, per qualsiasi motivo, esplodeva tutto quel materiale l’intera palazzina sarebbe crollata. Data la pericolosità del materiale sono anche intervenuti degli artificieri antisabotaggio del nucleo investigativo di Napoli che hanno estratto dal garage tutti i “botti”.

Altro caso

Spesso, ma sopratutto in questo periodo nel quale si avvicinano le feste, si sentono notizie che parlano di sequestro di fuochi d’artificio. Sempre a Napoli qualche giorno fa due minorenni sono stati trovati in possesso di fuochi d’artificio artigianali molto pericolosi. Uno di 16 anni napoletano e l’altro di 14 anni di Ercolano. I due sono stati sorpresi dalle forze dell’ordine con almeno un chilo di materiale esplodente. Sono stati sorpresi mentre passeggiavano indisturbati. Il materiale di cui erano in possesso, oltre che essere illegale è anche in grado di provocare gravi danni al corpo.

Consigli per evitare rischi

Se i fuochi d’artificio non vengono utilizzati in modo corretto possono provocare gravissimi danni sia alle persone che al territorio.

Infatti si rischia di provocare incendi inutili. Per cui è bene prendere in cosiderazione alcuni consiglio per evitare che capitino tragedie in uno dei giorni più felici dell’anno.

Dopo la mezzanotte infatti arrivano sempre numerosissime telefonate ai vigili del fuoco che chiedono aiuto per gli incendi che si formano a causa del mancato utilizzo corretto di questi oggetti. Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco ha dunque provveduto ad illustrare le regole base per non incombere a disastri inutili.

Le regole

Non lasciare mai sui balconi oggetti che possono incendiarsi come tende, teli di plastica, scope, contenitori di carta o plastica, tappeti, panni stesi e tutto il resto del materiale che potenzialmente potrebbe prendere fuoco. Ovviamente questo serve nel caso in cui un vicino dovesse scoppiare qualche petardo.

Cercare di non indirizzare i fuochi d’artificio e petardi verso addobbi natalizi, balconi, auto e soprattutto immondizia.

Mai farli scoppiare vicino a luoghi abitati, o dove sono presenti depositi di paglia, grano ecc.

In caso di vento non utilizzare mai fuochi d’artificio, ma ancora più importante non utilizzarli controvento.

Non accendere petardi o materiale di altro genere all’interno di abitazioni o sui balconi.

Utilizzare i petardi ad una certa distanza dagli spettatori, a non meno di 15 metri, se invece si tratta di un razzo è indispensabile stare almeno a 3o metri di distanza.

Se queste regole vengono seguite in maniera corretta si possono evitare moltissimi incidenti.

Dunque siate prudenti.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*