×

Shakira aggredita e “derubata” dai cinghiali a Barcellona

La famosissima popstar Shakira è stata aggredita e "derubata" da dei cinghiali nella giornata di ieri, si trovava in un parco di Barcellona insieme a suo figlio, spettatore della scena.

Shakira

Disavventura per la famosissima popstar Shakira, che ha raccontato sui suoi profili social di essere stata aggredita e “derubata” da alcuni cinghiali.

L’aggressione

La cantante si trovava in un parco di Barcellona, a passeggio con suo figlio Milan, nato nel 2013 dalla relazione con Gerard Pique, quando si è vista circondata da alcuni cinghiali che l’hanno attaccata e che le hanno strappato la borsa e il cellulare.

Shakira, come ha raccontato lei stessa nelle stories di Instagram, non si è fatta intimorire. Ha affrontato le bestie per recuperare entrambi gli oggetti.

Subito dopo ha condiviso un video in cui mostrava la borsa ormai rovinata e in cui spiegava l’accaduto ai suoi 70 milioni di followers: “Due cinghiali ci hanno aggrediti. Eravamo a passeggio nel parco e ci hanno attaccati. Hanno preso la mia borsa e la stavano portando nel bosco con dentro il mio cellulare.

L’hanno rovinata tutta!” Poi esorta il figlio a confermare l’accaduto: “Milan, dì la verità. Racconta come la mamma ha resistito ai cinghiali!”

Non un singolo episodio

Shakira non è certo la prima vittima di un’aggressione, in quella zona, da parte di cinghiali, che ormai hanno invaso Collserola, sobborgo provvisto di un grande parco naturale definito “Il polmone naturale di Barcellona”. Moltissimi personaggi dello spettacolo e della TV spagnoli e non solo vivono in quei paraggi ed alcuni di loro recentemente hanno vissuto episodi simili.

Solo nel 2016 la polizia spagnola ha ricevuto ben 1.876 segnalazioni di maiali selvatici che attaccavano cani, mangiatoie per gatti, o che bloccavano il traffico cittadino. Tre anni fa un poliziotto nel tentativo di fermare l’aggressione di uno di questi cinghiali aveva per errore sparato ad un suo partner, colpendolo ad un braccio.

Contents.media
Ultima ora