×

Trovato morto a Gran Canaria Davide Fervorini

Era scomparso l'11 settembre scorso. Il corpo senza vita è stato ritrovato a Gran Canaria, dove l'uomo si era trasferito per lavoro.

davide fervorini

Era scomparso lo scorso 11 settembre. Dopo una settimana di ricerche, nella mattinata di lunedì 17 è stato ritrovato senza vita a Gran Canaria, dove si era trasferito da qualche anno per lavoro. Aveva 39 anni.

Davide Fervorini ritrovato senza vita

Sono finite in tragedia le speranze degli amici e dei parenti di Davide Fervorini. Di lui non si avevano più notizie dall’11 settembre. Le ricerche sono terminate nella mattina di lunedì quando il suo corpo è stato ritrovato senza vita dalla Policia Nacional. La scoperta è avvenuta a Gran Canaria, nella zona di Tafira. L’uomo si era trasferito sull’isola da qualche anno per ragioni lavorative. Al momento le cause della sua morte sono sconosciute e gli inquirenti mantengono il massimo riserbo sulla vicenda.

Sono comunque in corso le indagini che dovranno fare chiarezza su quanto accaduto. Le autorità stanno cercando di ricostruire gli ultimi spostamenti di Davide per risalire alle cause della morte. La salma potrà fare rientro in Italia solo dopo aver ottenuto il via libera dalle autorità locali.

Le speranze di amici e parenti

I suoi cari non avevano più notizie di Davide dall’11 settembre. Per una settimana si sono susseguiti gli appelli di amici e parenti che hanno chiesto via social la massima collaborazione nelle ricerche.

A cogliere l’appello era stata in primis l’associazione no profit “Sos Desaparecidos” la quale si era occupata di diffondere in rete fotografie e generalità dell’uomo per facilitarne il ritrovamento. E’ stata l’associazione stessa ha dare l’annuncio del drammatico ritrovamento attraverso il quotidiano Columna Cero Sucesos.

Era un ultrà del Genoa

Italiano, 39 anni, Davide era un tifoso del Genoa, faceva parte degli ultras rossoblu.

Il suo nome compare infatti tra quelli dei coinvolti negli scontri avvenuti durante l’incontro tra Genoa e Siena nel 2012. In quell’occasione l’incontro era stato sospeso a causa delle proteste dei tifosi genoani nei confronti della squadra, che stava perdendo 4-0. L’incontro era fondamentale per la permanenza in Serie A l’anno successivo e i tifosi, dopo aver scavalcato il cordone degli steward, avevano accusato i giocatori di non essere degni della maglia che indossavano chiedendogli anche di toglierla e consegnarla loro. Al termine del processo sono state condannate 4 persone.

Contents.media
Ultima ora