> > Ucraina, l'Oms ha chiesto al governo di distruggere i patogeni pericolosi nei...

Ucraina, l'Oms ha chiesto al governo di distruggere i patogeni pericolosi nei laboratori

Centrale

L'Organizzazione mondiale della Sanità ha chiesto all'Ucraina di distruggere i patogeni pericolosi nei laboratori per prevenire "eventuali fuoriuscite".

L’Organizzazione mondiale della Sanità ha chiesto all’Ucraina di distruggere i patogeni pericolosi nei laboratori per prevenire “eventuali fuoriuscite”.

Ucraina, l’Oms ha chiesto al governo di distruggere i patogeni pericolosi nei laboratori

L’Oms ha sollecitato il governo ucraino a distruggere i patogeni presenti nei laboratori di salute pubblica del Paese per prevenire “eventuali fuoriuscite” che potrebbero diffondere malattie. Questo è quanto si legge in una nota inviata dall’organizzazione all’agenzia stampa Reuters. Gli esperti di sicurezza biologica hanno spiegato che il movimento di truppe russe in Ucraina e il bombardamento delle sue città hanno aumentato il rischio di fuga di agenti patogeni, nel caso in cui vengano attaccate queste strutture direttamente.

L’Ucraina dispone di laboratori di salute pubblica in cui vengono svolti studi su virus e batteri che possono provocare malattie. L’Oms aveva spiegato di aver promosso pratiche di sicurezza e prevenzione. “Come parte di questo lavoro, l’OMS ha fortemente raccomandato al Ministero della Salute in Ucraina e ad altri organismi responsabili di distruggere gli agenti patogeni altamente minacciosi per prevenire potenziali fuoriuscite” ha affermato l’agenzia.

Russia: “Gli USA gestiscono laboratorio di guerra biologica in Ucraina”

Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri russo, ha affermato che gli Stati Uniti gestiscono un laboratorio di guerra biologica in Ucraina. Ha affermato che i documenti portati alla luce dalle forze russe in Ucraina hanno mostrato “un tentativo in extremis di cancellare le prove di programmi biologici militari“, distruggendo campioni di laboratorio. “Neghiamo tassativamente qualsiasi accusa del genere” ha commentato un portavoce presidenziale ucraino. Nei giorni scorsi i missili russi hanno colpito un impianto di medicina nucleare a Kharkiv, struttura di ricerca all’interno del quale vengono prodotti radioisotopi per applicazioni mediche e industriali.

Lo ha affermato l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (Aiea). “Dobbiamo agire adesso per evitare un incidente nucleare in Ucraina che potrebbe avere gravi conseguenze per la salute e l’ambiente. Non possiamo permetterci di aspettare” ha dichiarato il direttore Grossi, aggiungendo che i bombardamenti non hanno provocato aumenti preoccupanti.

Ripristinata la rete elettrica della centrale di Chernobyl

Nei giorni scorsi l’esercito russo ha puntato la centrale nucleare di Chernobyl, da cui l’Ucraina ha improvvisamente perso ogni comunicazione.

Lo ha annunciato l’Aiea che ha spiegato che l’alimentazione, dopo la disconnessione, sarebbe stata ripristinata. “Secondo le informazioni ricevute prima della perdita di comunicazione, entrambe le linee elettriche del sito erano state danneggiate, di fatto scollegandolo dalla rete” si legge nella nota dell’Aiea, che ha spiegato di aver ricevuto informazioni dall’autorità di regolamento ucraina che i generatori di emergenza stavano fornendo elettricità.