×

Un uccellino salvato da morte certa grazie alle cure di un veterinario

default featured image 3 1200x900 768x576

Un veterinario della rivista ‘ DachsUndDachshund ‘ ha recentemente pubblicato questa storia incredibile di quando è uscito a fare jogging un giorno ed è inciampato su questo piccolo uccellino che era caduto dal suo nido. Impossibile individuare il nido in modo da poter restituire il piccolo, così decise di portarlo a casa e prendersi cura lui stesso fino a che non fosse stato grande abbastanza per essere rilasciato nel mondo per cantare le sue canzoni.

Ecco l’incredibile storia che sicuramente vi stamperà un sorriso sul viso:

Giorno 1 – Ecco il piccolo pulcino il primo giorno. Mio fratello era uscito a fare jogging, e l’ho trovato sul marciapiede. In realtà era ancora rimasto attaccato alla parte del suo guscio. Non siamo stati in grado di individuare il nido nel gruppo di alberi sopra di noi. ** NOTA ** se si trova un uccellino giovane, è meglio cercare di individuare il nido e rimetterlo dentro.

C’è un mito che dice che non si può toccare un uccellino, perché i genitori si rifiutano a riprenderlo a causa dell’odore degli esseri umani. PER FAVORE non provateci a casa! Questa non è intesa come una guida, ma serve per mostrare l’incredibile sviluppo e la crescita degli uccelli canori. La riabilitazione della fauna selvatica deve essere effettuata solo da quelli autorizzati a farlo!

Giorno 2 – Abbiamo tenuto il pulcino in un incubatrice, controllando accuratamente l’umidità e la temperatura.

Abbiamo deciso che era una lei (anche se non siamo mai stati in grado di scoprire se era maschio o femmina). Tutti gli uccellini sono molto simili, quindi non abbiamo avuto modo di sapere realmente che tipo di uccello fosse. Dovemmo aspettare e vedere come si sarebbe sviluppata, e ciò che sembrava dalle penne.

Giorno 3 – Gli uccellini mangiano un sacco! Abbiamo nutrito questo pulcino principalmente con grilli, vermi della farina, insetti catturati, e una formula liquida disponibile in commercio per i pulcini, ogni 30 minuti per 14 ore / giorno, simulando quello che avrebbe mangiato in natura. Provate a immaginare che cosa significa! Questo era solo un pulcino, e la maggior parte delle covate degli uccelli canori avranno circa 2-5 pulcini. La quantità di insetti che i genitori devono prendere per nutrire i loro pulcini (e se stessi) è un po’ sconcertante quando ci si pensa. Dal momento che i genitori non nutrono i loro pulcini durante la notte, anche noi non lo abbiamo fatto. Questo è contrario a molti cuccioli di mammiferi che hanno bisogno di essere nutriti regolarmente tutto il giorno.

Giorno 4 – Potete vedere qui l’incredibile sviluppo delle penne delle ali in soli pochi giorni. Inoltre, avrebbe presto cominciato a starnazzare di essere nutrita ogni 30-45 minuti. Una nota interessante: gli istinti sono affascinanti con questi animali. Anche con lo scarso coordinamento e gli occhi chiusi, questa ragazza sapeva arrivare fino al bordo del nido che abbiamo fatto per lei e fare lì i suoi bisogni, in modo da non sporcare il nido.

Giorno 5 – “Polpetta” è stata in grado di sedersi sul petto con le gambe piegate sotto il corpo con più stabilità. Guardate le variazioni delle piume in appena altre 24 ore! In realtà stava cominciando a sembrare un uccello! Anche i suoi occhi stavano cominciando ad aprirsi.

Giorno 6 – Ecco un bello sviluppo nelle penne delle ali. Potete vederli racchiusi in una guaina cornea. Una volta che la piuma arriva alla sua dimensione finale, questa guaina si disintegra e la piuma è autorizzata a rimanere aperta.

Giorno 7 – Durante la notte, tutte le guaine delle piume sono cadute via! Potete vedere qui che lei ha un dito del piede laterale piegato sulla sua gamba sinistra. Non c’è molto da fare a tale proposito in un uccello piccolo come questo.

Giorno 8 – Mangiava 3 grandi grilli e vari vermi ad ogni poppata.

Giorno 9 – A questo punto, siamo stati in grado di smettere di usare l’incubatrice. Dal momento che il suo corpo era coperto di piume, era in grado di regolare il calore del suo corpo da sola. I ciuffi di pulcino e l’espressione eternamente scontrosa che gli uccelli hanno era esilarante.

Giorno 10 – L’abbiamo spostata in una gabbia più convenzionale, e le abbiamo dato più materiali da esplorare. Era davvero felice, nonostante la sua espressione.

Giorno 11 – Era in grado di appollaiarsi ufficialmente per la prima volta! Sicuramente un grande passo nella giusta direzione. Lei non ha una coda ancora, così il suo equilibrio non è grande, ma aveva davvero una presa forte e avrebbe potuto trattenersi lassù molto bene.

Giorno 12 – Era un uccellino molto dolce, e aveva goduto di starsene appollaiata sulle nostre mani, nella fase iniziale. Potete vedere alcuni semi di miglio sullo sfondo, che abbiamo aggiunto alla sua dieta per continuare ad aumentare la varietà di cibo a cui è stata esposta. A questo punto, in realtà non abbiamo dovuto nutrirla molto spesso. Le avremmo dato da mangiare ogni 1-2 ore, e posizionato vermi nella gabbia per tre volte.

Giorno 13 – Quasi 2 settimane dalla schiusa, e lei ora sta benissimo! Si può vedere che anche la sua forza e l’equilibrio sono migliorati rispetto al giorno 11. Le sue gambe sono più in posizione verticale, mostrando una migliore postura. Questa posizione è molto caratteristica nei pulcini degli uccelli canori.

Giorno 14 – Sta cominciando a sembrare più matura.

Giorno 17 – Eccola in una gabbia più grande. Abbiamo messo dei rami appena tagliati così che lei possa avere una varietà di opzioni per posarsi, e in grado di esplorare le foglie e ramoscelli, come farebbe in natura. A questo punto, lei sta saltellando e volando intorno alla gabbia come una professionista. I migliori sono quei rami tagliati dagli alberi non tossici. E’ un fantastico, e sano arricchimento per i vostri animali domestici!

Giorno 22 – Abbiamo iniziato mettendo la gabbia sul ponte per tenerla esposta al vento, al sole e ad altri uccelli. Questo è importante per la socializzazione e la formazione. Altri uccelli sarebbero venuti ad interagire con lei, e lei li poteva guardare e imparare le loro canzoni.

Giorno 23 – Questa è una delle mie foto preferite di lei,che mostra le sue piume fantasia. A questo punto, abbiamo deciso che era probabilmente uno White Chipping Sparrow o Chipping Sparrow. WCS è una specie di uccello che è comune qui intorno, ma non si vede spesso perché non vengono alle mangiatoie per uccelli regolarmente. Entrambi sono una specie migratoria, in direzione sud per l’inverno.

Giorno 25 – Un’altra bella vista laterale di lei, mostra il suo piumaggio. Esso prevede un grande camuffamento quando svolazzano fra gli alberi.

Giorno 27 – In quel momento, sua dieta era più a base di semi e di vermi. Non lasciava più il cibo, ed era un buon segno.

Giorno 29 – Amava tutte le nuove fronde che avevamo messo dentro per lei. Gran parte della loro dieta in natura è fatta di germogli degli alberi, e lei andava a cercare quelli immediatamente ogni volta che le mettevamo dei rami freschi a lei.

Giorno 33 – A questo punto, poteva essere rilasciata. Tuttavia, ci sono sarebbero stati alcuni temporali nei prossimi giorni, quindi abbiamo deciso di tenerla un paio di giorni in più per darle una migliore possibilità.

Giorno 36, giorno di uscita – Dopo la tempesta della notte prima, il 36esimo giorno spuntò splendidamente. Fiducioso che il tempo sarebbe stato bello per diversi giorni, e che la recente pioggia le avrebbe dato un sacco di abbeveratoi e di opportunità, abbiamo deciso che questo sarebbe stato il giorno perfetto per mandarla sulla sua strada! Siamo arrivati ​​ad una radura vicina distante circa un miglio da dove è stata inizialmente trovata e dove sapevamo ci sarebbero stati altri della sua specie.

Bye Bye, Polpetta! – Abbiamo aperto la porta della gabbia e l’abbiamo vista indietreggiare. Dopo pochi minuti, saltò fuori e svolazzò subito su un albero. Ha subito iniziato ad esplorare i rami, mordendo le gemme degli alberi e saltando da ramo a ramo come un uccello selvatico. Ben presto, l’abbiamo persa di vista”.

Assolutamente un’incredibile storia. Il fatto che abbia salvato e accudito un piccolo, impotente feto, cercando di trasformarlo in un uccello pronto a vivere nel mondo è la prova della sua grande abilità come veterinario.

Va notato che l’allevamento di qualsiasi fauna selvatica può essere molto difficile, e dovrebbe essere intrapreso solo da chi è addestrato (e ha una licenza, in molti casi) per farlo. Molti animali, soprattutto gli uccelli migratori, sono protetti dal diritto federale, ed è illegale averli sotto la vostra cura senza i permessi necessari. Se trovate qualche animale della fauna selvatica ferita o malata, la cosa migliore è cercare un organizzazione di riabilitazione della fauna selvatica locale.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora