Barmaz: il paese fantasma della Valle d’Aosta COMMENTA  

Barmaz: il paese fantasma della Valle d’Aosta COMMENTA  

barmaz

Barmaz, il paese fantasma della Valle D’Aosta. Abbandonato nel 1950, è vittima dell’abbandono volontario, un fenomeno diffuso in Val D’Aosta.

Barmaz è un paesino abbandonato della Val D’Aosta, costruito intorno al ‘600 circa e abbandonato intorno agli anni ’50. Il fenomeno dell’abbandono volontario è molto diffuso in Val D’Aosta: spesso i paesini situati in alta montagna erano abitati da agricoltori che coltivavano frumento, patate, avena e orzo; in determinati periodi dell’anno le popolazioni migravano in altri villaggi più a valle per cambiare tipo di coltivazione, ad esempio la vita, gli alberi da frutto e alcuni tipi di ortaggi. Con i cambiamenti economici, questo sistema era diventato impraticabile, perché ormai l’agricoltura da sola non produceva abbastanza sostentamento per le famiglie, le quali iniziarono a trasferirsi nelle città in cerca di una vita migliore. Barmaz è uno di quei paesini che ha subito questa sorte: è situato di fronte al paese di Pontey, nel comune di Saint-Denis ed è una testimonianza dell’architettura rurale valdostana. Il paesino oggi è in pessime condizioni, a causa delle intemperie e dell’incuria; un vero peccato, considerata la posizione di Barmaz, che gode di una splendida vista. Molti imprenditori, insieme al comune di Saint-Denis, si sono interessati alla sua ristrutturazione, ma al momento non sembra esserci nessun progetto in atto.


1 / 4
1 / 4
  • barmaz
  • barmaz
  • barmaz
  • barmaz

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*