Canzoni d’amore belle COMMENTA  

Canzoni d’amore belle COMMENTA  

L’amore è ciò che muove la nostra vita. E la musica l’ha sempre saputo raccontare in maniera meravigliosa.

I don’t wanna miss a thing – Aerosmith
Giardino di Magnolie – 200 Bullets
The way you are – Barry White
La Cura – Battiato
Still loving you – Scorpions
Canzone dell’Amore Perduto – Fabrizio De Andrè
Bring me to life – Evanescence
La farfalla e l’elefante – Zarillo
Nothing compares 2 U – Sinead O’Connor
Tutti i miei sbagli – Subsonica
Every step you take – Sting
At last – Celine Dion
I ask of you – Anastacia
E poi Dubbi non ho – Pino Daniele
Volami nel cuore- Mina
Everything I do – Bryan Adams
Always – Bon Jovi
A te – Jovanotti
Ti sposerò perchè – Eros Ramazzotti
Una canzone d’amore – Vasco Rossi
Il centro del mondo – Ligabue
Stand by me – B.E.King
Imbranato – Tiziano Ferro
Thank you for loving me – Bon Jovi
Mi ami davvero – Luca Carboni
Imbranato – Tiziano Ferro
Come sei bella – Massimo di Cataldo
One – U2
Alta marea – Antonello Venditti
Diamante – Zucchero
Una canzone per te – Vasco
The power of love – Frankie goes to Hollywood
Ti sento vivere – 883
Di sole e dazzurro – Giorgia
Take my breath away – Berlin
Lemozione non ha voce – Celentano
Nei silenzi – RAF
Your song – Elton John
Rock your soul – Elisa
Thank you for loving me – Bon Jovi
Due destini – Tiromancino
Ho messo via – Ligabue
Una su un milione – Alex Britti
Dolcissimo amore – Irene Grandi

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*