Clint Eastwood difende le osservazioni razziste di Trump COMMENTA  

Clint Eastwood difende le osservazioni razziste di Trump COMMENTA  

Clint Eastwood difende le osservazioni razziste di Trump
Clint Eastwood difende le osservazioni razziste di Trump

L’attore di Hollywood difende Trump e deride una “generazione figa” ossessionata dalla precisione politica, in un’intervista di Esquire.

Un altro luminare repubblicano è diventato “pubblico” attraverso i forti sentimenti per Donald Trump. Sentimenti davvero forti. Non si è mosso con cautela come Paul Ryan. E non gli mancava nemmeno la convinzione come John Kasich.

Il divo di Hollywood Clint Eastwood ha superato entrambi, esponendosi in un’intervista con la rivista Esquire, mirando a coloro che hanno scelto il candidato presidenziale con il compito di impegnarsi nel razzismo e, bene, in altre cose inerenti.

Ha detto un sacco di cose stupide“, disse l’attore e regista dell’uomo che mise alla gogna messicani, musulmani, immigrati, donne e così via … “Così la pensano tutti. Ma la stampa e molti altri stanno andando oltre, ‘Oh beh questo è razzista“.

Il consiglio di Eastwood all’America: “Basta avercela con lui. È un momento triste nella storia“. Questo paese, ha detto, è afflitto da quella che deride come “una generazione figa” e non intendeva i video simpatici che le mamme postano su Facebook.

Trump, sostiene l’attore, è qualcuno di cui avrete già sentito parlare perché segretamente tutti si stanno stancando della correttezza politica. Questa è la bella generazione in cui ci troviamo in questo momento. Siamo davvero in una generazione figa. Tutti che camminano sulle uova.

L'articolo prosegue subito dopo

Vediamo persone accusare altre persone di essere razziste e altri generi simili di cose” continua Eastwood. “Quando sono cresciuto io, questi fatti non venivano chiamati razzisti“.

Egli conosce un po’ di cose sugli insulti razzisti, come chiunque abbia visto il film Gran Torino. Qui, Walt Kowalski, un operaio di auto in pensione e un veterano di guerra coreano che odia le famiglie asiatiche, latine e nere che si aggirano nel suo vicinato.

A Eastwood/Kowalski prima accade un cambiamento nel cuore e diventa amico di un ragazzo asiatico che è stato spinto dalla sua gang a rubare la sua auto. Eastwood/Kowalski si scatena con i peggiori insulti che si possano immaginare – musi gialli, fessi, sono i più leggeri …

In una scena girata in un bar, quando è circondato dai suoi vecchi amici bianchi, li lascia con uno scherzo che fa ridere tutti: “Ne ho preso uno“, comincia, barcollando col suo bicchiere di pinta pieno a metà. Un messicano, un ebreo e un uomo di colore entrano nel bar. Il barista li guarda e li invita volgarmente ad uscire.

E poi quando girai il Gran Torino“, disse Eastwood all’Esquire, “anche il mio socio disse ‘È un buon copione ma politicamente scorretto’; e io gli dissi ‘Bene, lasciamelo leggere stanotte’. L’indomani andai da lui e gli dissi: ‘Incominciamo questo lavoro immediatamente'”.

Sulla derisione di Trump nei confronti del giudice Gonzalo Curiel, indo-statunitense, accusato di essere stato ingiusto a causa dell’origine messicana, Eastwood fu sprezzante e ammise: “Sì, è una cosa stupida“.

Eastwood non ha approvato la sua retorica ma ha detto, dovendo scegliere tra un magnate miliardario e l’ex segretario di stato americano, non ci pensa due volte, voterà Trump in un baleno. Dopo tutto, Hillary Clinton ha detto che avrebbe portato avanti l’eredità di Obama, un uomo che una volta era il sindaco di una lussuosa città marittima della California.

Inoltre, ha detto, “Clinton è una voce difficile da ascoltare per 4 anni“.

La cosa peggiore della politica di oggi, dice l’uomo che si descrive come membro della “generazione anti-figa”, è che i politici si sono messi praticamente a dormire.

Stanno annoiando tutti“, disse Eastwood. “Chesty Puller, un grande generale della Marina, una volta disse, ‘Puoi sottomettermi, puoi farmi morire di fame, puoi abbattermi, puoi uccidermi ma non mi annoierai“. E questo è esattamente quello che sta accadendo ora :”tutti annoiano tuttiÈ noioso ascoltare tutto questo schifo. È noioso ascoltare questi candidati“. Se stesse scrivendo un discorso, dice Eastwood, sicuramente direbbe “Fuori, buttate tutti fuori“.

Se solo potesse …

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*