Delitto Caselle, confessa l’assassino COMMENTA  

Delitto Caselle, confessa l’assassino COMMENTA  

C_4_articolo_2019597_upiImagepp

Un tentativo di rapina finito nel sangue. Sarebbe questo il movente del triplice omicidio di Caselle (Torino) che ha causato la morte di  Claudio Allione, della moglie, Maria Angela Greggio, e della suocera, Emilia Campo Dall’Orto.Giorgio Palmieri, pregiudicato torinese di 56 anni, convivente della ex domestica della famiglia, licenziata poco tempo fa perché accusata di aver rubato una collanina, venerdì notte, sarebbe entrato nella villetta per rapinare la famiglia, colpevole di aver licenziato la sua compagna.


Forse in seguito alla reazione degli Allione, l’uomo, che ha detto agli investigatori di non aver portato armi con sé, li ha colpiti con un’arma da taglio trovata all’interno dell’abitazione.

L’uomo ha confessato: “Sono stato io, ho agito da solo”. Secondo quanto si apprende, la confessione è arrivata nella notte, dopo un lungo interrogatorio.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*