Evade pericoloso serial killer dopo permesso premio COMMENTA  

Evade pericoloso serial killer dopo permesso premio COMMENTA  

20131218_59469_gagliano_serial_killer

Bartolomeo Gagliano, di 55 anni, è evaso per la quinta volta dal carcere genovese di Marassi, dove stava scontando la pena per aver ucciso un omosessuale e sue prostitute. Il pericoloso serial killer aveva ottenuto il terzo permesso premio per motivi familiari, e sarebbe dovuto rientrare in cella ieri mattina alle nove.

Leggi anche: Cos’è successo di preciso fra Donald Trump, Taiwan e la Cina


Invece, dopo aver minacciato con la pistola un panettiere di Savona si è fatto accompagnare in auto a Genova, per poi dileguarsi nel nulla. Dopo dodici ore è scattato ufficialmente il reato di evasione, dal carcere è stato propagata la notizia di reato. Molto probabilmente il serial killer non ha premeditato la fuga, ma ha deciso di non rientrare in carcere all’ultimo momento.

Leggi anche: Presidenziali Francia, la situazione dopo la rinuncia di Hollande


Negli ultimi tre anni la sua condotta in carcere era regolare, era abbastanza calmo e non cercava la rissa come faceva appena entrato. La carriera criminale di Gagliano è costellata di rapine, fughe da ospedali psichiatrici, estorsioni, detenzione di armi, possesso di sostanze stupefacenti. La maggior parte delle azioni criminose sono state condotte insieme al complice Francesco Sedda. Gagliano è ora ricercato in tutta Italia: ha una Panda Van di colore verde targata Cv848aw.


A pensarci, è davvero incredibile che abbiano concesso un ulteriore permesso premio ad un carcerato con precedenti così gravi.

Leggi anche

donald trump
Esteri

Cos’è successo di preciso fra Donald Trump, Taiwan e la Cina

Donald Trump si muove, secondo alcuni, come l’elefante nel negozio di cristalli. Il nuovo presidente USA già al centro di un caso diplomatico. Il neo eletto 45 esimo presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump ha già fatto infuriare la Cina. Non ancora insediato alla Casa Bianca (lo sarà a partire dalla metà del prossimo mese di gennaio), il tycoon sembrerebbe essere incappato in una gaffe diplomatica. O forse, come evidenziano alcuni commentatori, non si è trattato di una gaffe, ma di un comportamento cercato e voluto: di una provocazione ai danni di Pechino. La questione è molto semplice. Donald Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*